Washington e i suoi alleati accusano i talebani di eseguire “brevi esecuzioni” di ex agenti di polizia

Gli Stati Uniti e i suoi alleati occidentali hanno dichiarato sabato di essere “preoccupati” per le “esecuzioni sommarie” di ex membri delle forze di sicurezza afghane da parte del regime talebano, come hanno rivelato le organizzazioni per i diritti umani, e hanno chiesto l’apertura urgente di indagini.

• Leggi anche: Crisi alimentare in Afghanistan: i talebani incolpano il precedente governo

• Leggi anche: Afghanistan: uomo arrestato per aver venduto quasi 130 donne

• Leggi anche: Il famoso “Afgano dagli occhi verdi” del National Geographic si è rifugiato in Italia

Circa 20 paesi, tra cui Gran Bretagna e Giappone, oltre all’Unione Europea, hanno dichiarato in una dichiarazione: “Siamo profondamente preoccupati per le notizie di esecuzioni sommarie e sparizioni forzate di ex membri delle forze di sicurezza afghane, come documentato da Human Rights Watch e altri”. Dichiarazione rilasciata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

“Affermiamo che le presunte misure costituiscono gravi violazioni dei diritti umani e sono incompatibili con l’amnistia annunciata dai talebani”, ha affermato il gruppo, invitando la nuova leadership afghana a garantire che l’amnistia sia attuata e “mantenuta in tutto il Paese e in tutto il nazione.” il loro grado”.

Questa settimana, l’ONG Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che “l’uccisione o la scomparsa di 47 ex membri delle forze di sicurezza nazionali afgane che si sono arresi o sono stati arrestati dalle forze talebane tra il 15 agosto e il 31 ottobre”.

“Le vittime includevano soldati, polizia, agenti dell’intelligence e milizie”, ha detto Human Rights Watch.

Per Washington e i suoi alleati, “i casi segnalati devono essere indagati in modo rapido e trasparente, i responsabili devono essere ritenuti responsabili e questi passaggi devono essere chiaramente annunciati per fungere da deterrente immediato per ulteriori omicidi e sparizioni”.

READ  An Israeli soldier shoots and paralyzes a Palestinian in a dispute over an electricity generator

I talebani hanno preso il potere in Afghanistan ad agosto, quando il governo di Kabul appoggiato dagli Stati Uniti e l’esercito del paese sono crollati.

Funzionari statunitensi hanno parlato con le autorità afgane all’inizio di questa settimana e hanno esortato il movimento islamico a fornire accesso all’istruzione a donne e ragazze in tutto il paese. Un portavoce degli Stati Uniti ha affermato che gli Stati Uniti “hanno anche espresso profonda preoccupazione per le accuse di violazioni dei diritti umani”.

Oltre agli Stati Uniti e all’Unione Europea, i firmatari della dichiarazione sono Germania, Australia, Belgio, Bulgaria, Canada, Danimarca, Spagna, Finlandia, Francia, Giappone, Macedonia del Nord, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Regno Unito, Svezia, Svizzera e Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *