Washington critica la “sottostima” russa del disarmo nucleare

(Washington) Gli Stati Uniti domenica hanno denunciato la “cinica ostruzione” della Russia che “da sola” ha impedito l’adozione di una dichiarazione congiunta alle Nazioni Unite sul Trattato di non proliferazione nucleare.

Inserito ieri alle 12:18.

“Dopo settimane di negoziati intensi e fruttuosi, la Russia ha deciso unilateralmente di bloccare il consenso sul documento finale” al termine della conferenza di revisione di quattro settimane delle Nazioni Unite sul Trattato di non proliferazione nucleare, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Vidant Patel.

Ha detto in un comunicato stampa che questo era con l’unico scopo di “prevenire elementi linguistici che sono consapevoli solo dei rischi radiologici nella centrale nucleare di Zaporizhia”, che è occupata dall’esercito russo in Ucraina.

Le forze russe hanno occupato la centrale elettrica di Zaporizhia, la più grande d’Europa, all’inizio di marzo, poco dopo l’inizio dell’invasione il 24 febbraio, situata vicino alla linea del fronte a sud.

Kiev e Mosca si accusano a vicenda di aver effettuato operazioni di bombardamento nei pressi del complesso, mettendo così in pericolo l’impianto.

L’operatore delle centrali nucleari ucraine, Energoatom, ha avvertito sabato che sta lavorando con i rischi di perdite radioattive e incendi.

I 191 firmatari del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, che mira a prevenire la diffusione delle armi nucleari, promuovere il disarmo completo e promuovere la cooperazione nell’uso pacifico dell’energia nucleare, si sono incontrati presso la sede delle Nazioni Unite a New York da quando 1Versetto Agosto.

Ma venerdì la Russia ha bloccato l’adozione di una dichiarazione congiunta, denunciando “alcuni vergognosi paragrafi politici” nella sua bozza di testo finale.

READ  L'Afghanistan deve essere impedito al collasso

“Nonostante la cinica ostruzione russa, il fatto che tutte le altre parti abbiano sostenuto il documento finale dimostra il ruolo essenziale del trattato nella non proliferazione”, tuttavia ha accolto con favore il funzionario statunitense citato sopra.

Ma l’Austria, paese neutrale e non nucleare, sabato ha denunciato la posizione della Russia e di altre grandi potenze.

“Contrariamente agli obblighi di disarmo del Trattato di non proliferazione nucleare, i cinque Stati dotati di armi nucleari – Stati Uniti, Francia, Cina, Regno Unito e Russia – stanno aumentando o migliorando i loro arsenali”, ha scritto il governo austriaco in una stampa pubblicazione. Denunciando la loro mancanza di una “concreta volontà di dare attuazione agli obblighi contrattuali precedentemente non adempiuti”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.