Vertice virtuale della democrazia | Joe Biden ha chiamato 110 paesi, ma non Cina e Turchia

(Washington) Joe Biden ha invitato circa 110 paesi e regioni al suo vertice sulla democrazia virtuale a dicembre, compresi i principali alleati occidentali degli Stati Uniti, così come Taiwan in un messaggio chiaro alla Cina, che dovrebbe gettare un’ombra su questo incontro nonostante il suo assenza. .




Francesco Fontemag
Agenzia di media Francia

Il presidente degli Stati Uniti non ne ha fatto mistero dal suo arrivo alla Casa Bianca a gennaio: la lotta tra democrazie e “regimi autoritari”, incarnata ai suoi occhi da Cina e Russia, è al centro della sua politica estera.

Uno dei pilastri principali di questa priorità è il “Democracy Summit”, una campagna che si è impegnata per la sua prima edizione online il 9-10 dicembre prima di un incontro faccia a faccia un anno dopo.

Ma l’elenco degli invitati non era ancora noto. Pubblicato martedì sul sito web del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, è stato presumibilmente pesato da una catapulta e sarà attentamente esaminato.

Non sorprende, quindi, che i principali avversari di Washington, guidati da Pechino e Mosca, siano esclusi.

Dall’altro, il presidente Biden ha invitato Taiwan, che gli Stati Uniti non riconoscono come Paese indipendente, ma instaura volontariamente un modello democratico contro la Cina, che considera l’isola come una delle sue province, che ha chiesto il ritorno alla sua piega. Pertanto, la sua presenza al vertice virtuale dovrebbe mantenere le tensioni divampate nelle ultime settimane sul destino di Taipei.

L’India, spesso definita la “più grande democrazia del mondo”, sarà presente nonostante le ripetute critiche dei difensori dei diritti umani al suo primo ministro nazionalista indù Narendra Modi. Così fa il Pakistan, nonostante le sue relazioni instabili con Washington.

READ  La Corte Suprema chiude un fronte legale aperto contro Trump

La democrazia è in declino

Tra i paesi partecipanti non c’è neanche la Turchia, alleato della NATO di Washington ma il cui presidente Recep Tayyip Erdogan è stato in passato descritto da Joe Biden come un “tiranno”.

In Medio Oriente solo Israele e Iraq sono stati invitati a questo incontro. Assenti i tradizionali alleati arabi degli americani, Egitto, Arabia Saudita, Giordania, Qatar ed Emirati Arabi Uniti.

Joe Biden ha anche chiesto il Brasile guidato dal controverso presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

In Europa, la Polonia era rappresentata, nonostante le ripetute tensioni con Bruxelles sul rispetto dello stato di diritto, ma l’Ungheria sotto il primo ministro Viktor Orban non lo è.

Da parte africana, tra i paesi invitati figurano la Repubblica Democratica del Congo, il Kenya, il Sudafrica, la Nigeria e il Niger.

“Ci sono buone ragioni per avere una vasta gamma di rappresentanti: permette un migliore scambio di idee”, ha detto Laleh Esfahani della Open Society Foundation al Primo Summit.

Per lei, piuttosto che farne un incontro anti-cinese – “sarebbe un’occasione mancata” – Joe Biden dovrebbe approfittare di questi incontri che riuniranno leader e società civile “per attaccare la crisi rappresentata dal pericoloso declino della democrazia in tutto il mondo, compresi i modelli relativamente solidi come gli Stati Uniti.”

Questo vertice viene organizzato in un momento in cui la democrazia ha subito molte battute d’arresto negli ultimi mesi nei Paesi in cui gli Stati Uniti riponevano grandi speranze: Sudan e Birmania, teatro di colpi di stato militari, Etiopia, preda di un conflitto che potrebbe farla “crollare dal inside” secondo la diplomazia americana, o anche in Afghanistan, dove i talebani hanno riconquistato il potere grazie al ritiro degli Stati Uniti dopo 20 anni di sforzi di democratizzazione.

READ  Cuba: Accordo su un nuovo piano di rimborso del debito

Gli stessi Stati Uniti sono entrati per la prima volta nell’elenco delle “democrazie in declino” principalmente a causa del deterioramento sotto Trump, secondo un rapporto di riferimento dell’organizzazione intergovernativa IDEA.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *