Veglia che segna Tiananmen a Hong Kong | Jimmy Lai e altri due attivisti per la democrazia

(Hong Kong) Il magnate della stampa di Hong Kong Jimmy Lai e due attivisti pro-democrazia sono stati condannati giovedì per aver partecipato a un raduno vietato del 2020 per commemorare la repressione in Piazza Tiananmen.




holmes chan
Agenzia di media Francia

Jamie Lai, 74 anni, proprietario dell’ormai chiuso pro-democrazia Apple Daily, è stato condannato per raduno illegale insieme all’ex giornalista Gwyneth Ho e all’avvocato per i diritti umani Chau Hang Tong.

Il tribunale li ha riconosciuti colpevoli, tra le altre cose, di favoreggiamento e partecipazione a una riunione non autorizzata. Le sentenze saranno rilasciate lunedì.

Le autorità hanno incriminato circa 20 politici e attivisti pro-democrazia dopo la veglia dello scorso anno in onore delle vittime della micidiale repressione di Pechino del 1989.

Il signor Lai ei suoi coimputati, Zhao Hang Tong e Gwyneth Hu, sono stati gli ultimi a conoscere il loro verdetto, dichiarandosi non colpevoli.

Sostenevano di essere andati ad accendere candele a titolo personale e di non “incitare” gli altri a partecipare a un raduno proibito.

“atto di ricorso”

Il giudice della corte della contea di Wanchai, Amanda Woodcock, ha respinto queste argomentazioni ed è stata condannata con accuse quali incitamento e partecipazione a una manifestazione non autorizzata.

“La verità è che qualsiasi intenzione di uscire e partecipare alla fiaccolata a Victoria Park quella notte era una sfida e una protesta contro la polizia”, ​​ha detto il giudice.

M Lay, mio Zhao et alio È già dietro le sbarre, come dozzine di altri attivisti, e affronta processi separati secondo il rigoroso National Security Act.

Amnesty International ha risposto in una dichiarazione: “Il governo di Hong Kong ha violato ancora una volta il diritto internazionale condannando gli attivisti semplicemente per aver partecipato a una veglia pacifica”.

READ  Presto potremo dormire nella casa del killer del silenzio degli innocenti.

“Le persone dovrebbero essere libere di piangere e ricordare pacificamente le vittime della repressione di Tiananmen – e perseguire le persone per questo è un palese attacco ai diritti alla libertà di espressione e di riunione”, ha aggiunto l’ONG.

Da più di tre decenni, il 4 giugno di ogni anno, decine di migliaia di persone si radunano al Victoria Park, per prendere parte a queste veglie per commemorare la sanguinosa repressione del 1989 in piazza Tiananmen in Cina.

Questi raduni, durante i quali in Cina sono stati scanditi slogan a favore della democrazia, sono diventati uno dei simboli delle libertà politiche di cui gode la regione semi-autonoma.

Quest’anno Pechino ha chiarito che non tollererà più tali celebrazioni a Hong Kong o Macao.

Alcuni mesi fa, sedici leader politici e attivisti, tra cui il più famoso volto di protesta di Hong Kong, Joshua Wong, sono stati condannati da sei a dieci mesi di carcere per aver partecipato a questa veglia nel 2020, e alcuni di loro hanno ricevuto la sospensione della pena.

Gli oppositori vedono il divieto di veglie e azioni legali come un modo per la Cina di lasciare la sua impronta autoritaria a Hong Kong, dopo le massicce e violente proteste a favore della democrazia nel 2019.

Nel giugno 2020, Pechino ha imposto alla città una severa legge sulla sicurezza nazionale, specificamente finalizzata a criminalizzare qualsiasi dissenso.

Più di 70 persone sono state accusate in base a questa legislazione e più di 140 persone sono state arrestate, Donnie M. Lay, M.D.io Zhao et alio lui è.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.