Uso della forza contro Taiwan | La CIA afferma che la Cina sta imparando le lezioni dall’invasione dell’Ucraina

(Washington) Il capo della CIA ha detto mercoledì che la Cina sta imparando le lezioni dalla guerra della Russia in Ucraina che la rende pronta a usare la forza contro Taiwan.

Inserito ieri alle 19:50.

“Ci sembra così [la guerre en Ukraine vue par Pékin] “Non influenza davvero la questione se i leader cinesi potrebbero scegliere di usare la forza contro Taiwan nei prossimi anni, ma quando e come lo farebbero”, ha affermato il direttore della CIA Bill Burns.

L’ospite dell’Aspen Security Forum, negli Stati Uniti, ha comunque considerato i rischi che il presidente Xi Jinping si metta in azione entro la fine dell’anno a Taiwan, mentre alcuni ritengono che un simile focolaio possa verificarsi dopo un importante incontro del partito comunista.

“Ci sembra che tali rischi siano in aumento nel decennio”, ha affermato.

Pechino potrebbe essere “turbata” guardando la guerra in Ucraina, ha analizzato il capo dell’agenzia, definendolo un “fallimento strategico” di Vladimir Putin che pensava di poter rovesciare Kiev entro una settimana.

Il signor Burns crede che Pechino abbia preso come prova che “non si ottengono vittorie rapide e decisive” senza gettare abbastanza peso militare nella battaglia.

“Penso che la lezione che i leader e i militari cinesi stiano imparando sia che è necessario assemblare una forza in gran parte dominante” per vincere, ha detto ancora, sottolineando anche l’importanza di “controllare le informazioni spaziali” e prepararsi a possibili sanzioni economiche. .

Il capo della CIA ha anche ritenuto, in linea con le precedenti dichiarazioni di Washington, che la Cina, nonostante il suo supporto verbale, non fornisce supporto militare alla Russia nella sua guerra in Ucraina.

READ  Una detenuta iraniano-britannica in Iran: Londra chiede alla famiglia di tacere, secondo il marito

Gli Stati Uniti sono preoccupati per la crescente pressione militare di Pechino negli ultimi anni su Taiwan, un’isola democratica che la Cina considera parte del suo territorio e ha promesso di riprendersi un giorno.

In precedenza, nello stesso forum di Aspen, sulle Montagne Rocciose, l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti ha affermato che Pechino sostiene ancora la “riunificazione pacifica”.

“Nessun conflitto, nessuna guerra: questo è il consenso più importante tra Cina e Stati Uniti”, ha sottolineato Qin Gang, che tuttavia ha lamentato che gli Stati Uniti hanno gradualmente “eliminato” dalla loro politica il riconoscimento unico di Pechino.

“Solo aderendo rigorosamente alla politica della Cina unica e unendoci per opporci all’indipendenza di Taiwan, possiamo essere in grado di riunirci pacificamente”, ha aggiunto.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto infuriare Pechino quando ha detto il 23 maggio che gli Stati Uniti avrebbero difeso militarmente Taiwan in caso di invasione della Cina comunista, prima di ritrattare il giorno successivo e dichiarare che “l’ambiguità strategica è il concetto deliberatamente ambiguo che ha governato i taiwanesi a Washington.” senza modifiche.

Joe Biden ha detto ai giornalisti mercoledì che “si aspetta” di parlare con il presidente Xi Jinping “nei prossimi 10 giorni”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.