Un uomo australiano è stato trovato dopo aver perso 18 giorni nella boscaglia

Domenica la polizia australiana ha detto che un uomo che era scomparso da più di due settimane nella giungla australiana, è stato trovato vivo domenica, dopo essere sopravvissuto a “bere acqua da una diga e mangiare funghi”.

Robert Weber, 58 anni, è stato trovato vicino a un posto di blocco da un proprietario locale domenica mattina, dopo essere stato visto l’ultima volta il 6 gennaio mentre lasciava un hotel a Kilkivan, a circa 200 chilometri a nord di Brisbane.

Secondo la polizia del Queensland, l’auto del signor Webber era bloccata su una strada insolita. “È rimasto vicino alla sua macchina con il suo cane per tre giorni, prima di finire l’acqua”, ha detto la polizia in un comunicato.

La dichiarazione continua: “È partito a piedi e poi è rimasto vicino a una diga dove è sopravvissuto dormendo per terra, bevendo acqua dalla diga e mangiando funghi”.

Le ricerche aeree e terrestri sono state sospese dopo una settimana per setacciare “una fitta area di giungle, fiumi, dighe e terreni scoscesi in caso di pioggia”.

La polizia ha detto che Robert Weber è stato portato in ospedale “a causa dell’esposizione agli elementi, ma è rimasto illeso”. Il suo cane non è mai stato trovato.

READ  Joe Biden vuole "ricalibrare" il rapporto con l'Arabia Saudita

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *