Un terremoto di magnitudo 7 colpisce il confine tra Cina e Kirghizistan

Un terremoto di magnitudo 7 colpisce il confine tra Cina e Kirghizistan

Un terremoto di magnitudo 7.0 ha colpito lunedì sera al confine tra Cina e Kirghizistan, secondo l'US Geological Survey (USGS), che ha stimato che avrebbe potuto causare vittime e ingenti danni.

Il terremoto è stato registrato poco dopo le 2 di martedì (18:00 GMT di lunedì), a una profondità di 27 chilometri nella regione cinese dello Xinjiang, a circa 140 chilometri a ovest della città di Aksu.

Secondo le autorità di questi due paesi dell'Asia centrale le scosse sono state avvertite dagli abitanti del Kirghizistan e del Kazakistan, ma finora non si registrano feriti o distruzioni di grandi dimensioni.

“Finora non sono stati segnalati feriti o danni” nelle aree colpite, ha detto in un video il ministro per le situazioni di emergenza del Kirghizistan, Bobek Ajikiv, invitando i residenti a “non farsi prendere dal panico”.

Ha aggiunto che alcune zone della regione di Issyk-Kul, nell'est del Paese, hanno avvertito scosse “particolarmente forti”.

A Bishkek, capitale del Kirghizistan, i residenti sono fuggiti dalle loro case in cerca di rifugio per strada, secondo un giornalista dell'Agence France-Presse.

Ha sottolineato che la forza del terremoto ha scosso le pareti e piatti e libri sono caduti mentre i mobili si muovevano.

Le immagini pubblicate sui social media e sui media locali mostrano i residenti di Almaty, la città più grande del Kazakistan, nelle strade dopo le scosse.

I canali televisivi locali della capitale indiana, Nuova Delhi, a circa 1.400 chilometri di distanza, hanno riferito di terremoti.

L'US Geological Survey ha aggiunto che poco dopo sono state registrate nell'area tre scosse di assestamento di magnitudo 5,5, 5,1 e 5,0, suggerendo la possibilità di vittime.

Nel rapporto dell’istituto americano si legge: “È probabile che si verifichino danni ingenti e che il disastro sia di vasta portata”.

READ  Ucraina | Washington mette in guardia Mosca contro un'ulteriore invasione

Questo terremoto arriva il giorno dopo una frana che ha sepolto decine di persone e provocato almeno otto morti nel sud-ovest della Cina.

Un forte terremoto si è verificato lo scorso dicembre nel nord-ovest del paese, uccidendo 148 persone e provocando migliaia di sfollati nella provincia di Gansu (nord-ovest).

Il terremoto è stato il più mortale in Cina dal 2014, quando più di 600 persone furono uccise nella provincia dello Yunnan, a sud-ovest del Paese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *