Un nuovo record per le sequenze di DNA più antiche: superata la soglia del milione di anni | Scienza | Notizie | il Sole

IlLe analisi di tre campioni di mammut hanno gettato nuova luce sull’era glaciale, quando prevalevano i grandi mammiferi, e sull’eredità del mammut lanoso, i cui ultimi sopravvissuti solo 4.000 anni fa scomparvero dall’isola di Wrangel, al largo della Siberia.

I genomi decodificati superano di gran lunga il DNA più antico mai sequenziato, il genoma con un’età compresa tra 500.000 e 700.000 anni. Qui il DNA – il vettore di informazioni genetiche è chiamato Genoma – “Incredibilmente antichi. Gli esemplari sono mille volte più antichi dei resti dei Vichinghi, e sono addirittura antecedenti all’esistenza degli umani moderni e dei Neanderthal”, Miracle Love Dalin, dello Stockholm Center for Ancient Genetics, che ha supervisionato lo studio pubblicato in la recensione Natura temperata.

I fossili furono scoperti negli anni ’70 in Siberia, nel permafrost (terreno ghiacciato, chiamato anche permafrost) e furono conservati presso l’Accademia Russa delle Scienze di Mosca. I ricercatori sono riusciti dapprima a determinare la storia dei denti (molari) confrontandoli con altre specie, come i piccoli roditori, che sono noti per essere unici per determinati periodi e trovati negli stessi strati sedimentari. Questi primi confronti indicano che i due grandi mammiferi erano antichi mammut della steppa di oltre un milione di anni. Il “più giovane” dei tre, a circa 800.000 anni, era il più antico mammut lanoso (una specie che si discostava dal mammut delle steppe) mai scoperto.

“un pizzico di sale”

Ma i ricercatori sono andati oltre e sono riusciti a estrarre dati genetici da piccoli campioni di polvere di denti, “come un pizzico di sale per condire un piatto”, ha detto Love Dalin, professore di genetica, in una conferenza stampa. Nonostante il suo deterioramento, gli scienziati sono stati in grado di sequenziare milioni di coppie di basi, i mattoni del DNA, e stimare l’età da queste preziose informazioni, che sono più accurate delle prove geologiche.

READ  Dordogne. Screening del cancro cervicale

Verdetto: il mammut più antico, chiamato Krestovka, è persino più vecchio di quanto inizialmente stimato fosse di 1,65 milioni di anni; Il secondo, Adicha, ha 1,34 milioni di anni. La Chukuchia, la “giovane”, ha circa 870.000 anni.

I suoi frammenti di DNA sembravano “come un puzzle, con milioni di piccoli pezzi, e molti di loro sono molto più piccoli di quanto si può ottenere da DNA moderno di alta qualità”, ha sviluppato Tom van der Valk dell’Università di Uppsala in Svezia, autore principale di lo studio. Usando il genoma dell’elefante africano, il cugino del moderno mammut, i ricercatori hanno anche scoperto che il più vecchio, Krestovka, proveniva da una linea genetica fino ad allora sconosciuta che avrebbe deviato da altre specie lì; aveva circa due milioni di anni e poi un Colonia nordamericana. Ulteriori analisi hanno rivelato variazioni genetiche associate alla vita nell’Artico, come capelli, termoregolazione o depositi di grasso, indicando che il mammut era peloso molto prima che apparissero i congeneri.

Lo scioglimento del ghiaccio siberiano, legato al riscaldamento globale, sta rivelando sempre più fossili. Una vera miniera rende anche gli scienziati desiderosi di studiare il passato di piccoli animali, come gli antenati di alci, bue muschiato o roditori. Se la genetica fa luce sulla megafauna dell’era glaciale, Alfred Rocca dell’Università americana dell’Illinois ha detto in un commento pubblicato a margine dello studio, “il piccolo orologio dei mammiferi potrebbe presto ticchettare”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *