Un nuovo rapporto afferma che metà delle democrazie mondiali sono in declino

(Stoccolma) La metà di tutte le democrazie sta subendo l’erosione del proprio sistema politico, intensificata dalla guerra in Ucraina e dalla crisi economica, secondo un rapporto pubblicato mercoledì dal think tank internazionale IDEA, l’Istituto internazionale per la democrazia e l’assistenza elettorale.


“Ora stiamo assistendo a fattori estremamente sfavorevoli alla democrazia, esacerbati dalle ripercussioni della crisi economica causata dalla pandemia e dalle conseguenze economiche della guerra in Ucraina”, ha detto all’AFP Kevin Casas-Zamora, segretario generale. organizzazione basata.

Secondo lui, questo declino potrebbe portare, ad esempio, a mettere in discussione la credibilità delle elezioni, ad attacchi allo stato di diritto o addirittura all’ostruzione dello spazio civico.

Quanto alle democrazie con la più grave erosione democratica, che il rapporto classifica come “in declino” e che comprendono Stati Uniti dallo scorso anno, oltre a Brasile, Ungheria, Polonia, India e Mauritius, sono passate da sei a sette nel 2022 con l’aggiunta. El Salvador.

Per Kevin Casas-Zamora, il caso degli Stati Uniti è particolarmente preoccupante.

Secondo il rapporto, il Paese deve affrontare problemi di polarizzazione politica, disfunzione istituzionale e minacce alle libertà civili.

“Ora è chiaro che questa febbre non si è placata con l’elezione di un nuovo governo”, ha affermato Casas-Zamora.

Secondo lui, ciò si traduce in particolare in livelli incontrollabili di polarizzazione e tentativi di “compromettere la credibilità dei risultati elettorali senza alcuna prova di frode”.

Ritiene che anche gli Stati Uniti abbiano compiuto un “chiaro passo indietro” nell’area dei diritti sessuali e riproduttivi, “il che è tanto più straordinario perché la maggior parte dei paesi, […]e progressi in termini di espansione dei diritti sessuali e riproduttivi”.

READ  Ucraina: la dinamica dell'offensiva russa è "positiva", dice Putin

Più prepotente

Dei 173 paesi inclusi nel rapporto, 52 delle democrazie contate erano in declino.

Al contrario, 27 paesi si sono convertiti all’autoritarismo, più del doppio di quelli che si sono convertiti alla democrazia.

Quasi la metà dei regimi autoritari ha anche intensificato la propria repressione nel 2022, con Afghanistan, Bielorussia, Cambogia, Comore e Nicaragua che hanno registrato un “declino generale”.

In Asia, dove solo il 54% della popolazione vive in regime democratico, l’autoritarismo è in aumento, mentre il continente africano rimane “resiliente” di fronte all’instabilità, nonostante il gran numero di sfide che deve affrontare.

Dieci anni dopo la primavera araba, il Medio Oriente resta “la regione più autoritaria del mondo” e conta solo tre democrazie: Iraq, Israele e Libano.

In Europa, quasi la metà delle democrazie del continente, ovvero 17 paesi, ha subito un’erosione democratica negli ultimi cinque anni.

Le democrazie faticano a trovare un equilibrio efficace in ambienti caratterizzati da instabilità e ansia. Il populismo continua a guadagnare in tutto il mondo mentre l’innovazione e la crescita ristagnano o declinano”, afferma il rapporto.

Ha anche notato “tendenze inquietanti”, anche in paesi con livelli medi o alti di standard democratici.

Negli ultimi cinque anni, secondo il rapporto, i progressi in tutti gli indicatori degli studi dei think tank si sono arrestati e alcuni sono tornati allo stesso livello degli anni ’90.

“Le democrazie sono davvero crollate negli ultimi due decenni, e questo è diventato un problema urgente del nostro tempo”, afferma Casas-Zamora.

Tuttavia, ci sono anche segnali di progresso.

Il rapporto indica quindi che i residenti si stanno unendo per spingere il loro governo a rispondere a 21 richiestee Secolo, dai diritti riproduttivi in ​​America Latina alle proteste giovanili sul clima in tutto il mondo.

READ  Un aereo smette di atterrare e decolla di nuovo

“Ma anche in Paesi come l’Iran dove la gente è scesa in piazza per chiedere libertà, uguaglianza e dignità”, aggiunge Casas-Zamora.

“C’è un barlume di speranza, ma la tendenza generale rimane desolante”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.