Un nuovo rallentamento dell’epidemia nel mondo questa settimana

La pandemia di coronavirus ha rallentato per la seconda settimana consecutiva a livello mondiale, soprattutto negli Stati Uniti, in Europa e in Medio Oriente: ecco gli importanti sviluppi settimanali, tratti dal database di Agence France-Presse.

Leggi anche: Diretto | Gli ultimi sviluppi sul Coronavirus

Un indicatore importante, tuttavia, è che il numero di casi diagnosticati riflette solo una frazione del numero effettivo di infezioni e i confronti tra paesi dovrebbero essere presi con cautela, poiché le politiche di test differiscono da paese a paese.

Con 743.900 infezioni giornaliere registrate nel mondo questa settimana, l’indice è di nuovo in calo (-6% rispetto alla settimana precedente), secondo un rapporto dell’AFP interrotto giovedì.

L’indice ha iniziato a crescere continuamente a partire dal 20 febbraio, dopo un calo senza precedenti di oltre un mese all’inizio dell’anno, che ha visto dimezzarsi il numero di contagi, ovvero circa 355.000 casi giornalieri. Si sta trattenendo da due settimane.

L’epidemia è rallentata in modo significativo negli Stati Uniti / Canada (-21%), Europa (-20%) e Medio Oriente (-16%) questa settimana, e più moderatamente in Asia (-2%) e Africa (-1 %). Viceversa, l’inquinamento è accelerato in America Latina / Caraibi (+ 5%).

In Oceania, dove il coronavirus si sta diffondendo pochissimo, il contagio è più che raddoppiato (+ 124%, 247 casi al giorno), soprattutto in Papua Nuova Guinea che concentra più del 90% dei casi individuati nella regione.

Le Maldive sono il Paese in cui l’epidemia ha avuto maggiore accelerazione (+ 106%, 1.100 nuovi casi al giorno), tra i Paesi che hanno registrato almeno 1.000 contagi giornalieri nell’ultima settimana. Tuttavia, l’arcipelago è uno dei paesi più avanzati in termini di vaccinazione, in quanto ha somministrato almeno una dose (Sinopharm o AstraZeneca / Oxford) al 56% della sua popolazione (il 26% della popolazione era completamente vaccinata).

READ  Lo scioglimento delle calotte polari in passato è stato collegato a un innalzamento del mare 10 volte più veloce di quanto non lo sia oggi

Segue Paraguay (+ 53%, 2.600), Sud Africa (+ 37%, 2100), Malesia (+ 31%, 4.300) e Grecia (+ 30%, 2.300). Quest’ultimo venerdì ha sollevato una condanna a sette mesi di reclusione per aprire la sua stagione turistica.

Il calo più forte durante la settimana è stato osservato in Turchia (-44%, 15.100 nuovi casi al giorno), davanti a Mongolia (-42%, 700), Giordania (-41%, 700), Croazia (-35%, 1.000) e Austria (-31%, 1100).

L’India, che ha registrato un focolaio nelle ultime settimane, il Paese con il maggior numero di nuove infezioni in termini assoluti questa settimana (375.200 casi giornalieri, -3%), è ancora davanti a Brasile (61.500, + 4%) e Stati Uniti. (35.600, -22%), Argentina (20900, + 4%) e Colombia (16.700, + 7%).

In termini di popolazione, il Paese con il maggior numero di casi questa settimana è ancora, di gran lunga, le Seychelles (2.858 ogni 100.000 abitanti), davanti alle Maldive (1.374). Le Seychelles hanno vaccinato il 61% della sua intera popolazione, con dosi di Sinopharm e AstraZeneca / Oxford.

Anche l’India è in cima alla classifica per morti giornaliere (4.001 al giorno questa settimana), davanti a Brasile (1948), Stati Uniti (628), Colombia (464) e Argentina (420).

A livello globale, i decessi giornalieri sono diminuiti leggermente questa settimana (12.721 al giorno, -1%).

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *