Un complotto per assassinare un ex ministro Due presunti prigionieri vengono uccisi in carcere

Un complotto per assassinare un ex ministro  Due presunti prigionieri vengono uccisi in carcere

(Rio de Janeiro) Due detenuti sospettati di appartenere a una banda che aveva pianificato l’attentato all’ex giudice anti-corruzione ed ex ministro della Giustizia brasiliano Sergio Moro sono stati accoltellati a morte in carcere, hanno appreso martedì dalle autorità carcerarie.


La segreteria dell’amministrazione penitenziaria dello stato di San Paolo (sud-est) ha dichiarato in un comunicato stampa: “Tre detenuti hanno confessato di essere gli autori di questo duplice omicidio e la polizia sta indagando sul coinvolgimento di un quarto”.

Secondo i servizi di sicurezza dello Stato, gli omicidi sono stati commessi lunedì “con i coltelli” nel carcere di Presidente Venicelaw, a circa 650 chilometri da San Paolo, la più grande città dell’America Latina.

Le due persone uccise da altri prigionieri sono state arrestate nel marzo 2023, nell’ambito di un’operazione di polizia su larga scala volta a smantellare una rete criminale che mirava ad assassinare personaggi politici. Nove persone sono state arrestate.

Fonti di polizia confermarono all’epoca all’Agence France-Presse che il senatore Sergio Moro, ex ministro della Giustizia sotto il presidente di estrema destra Jair Bolsonaro, era uno degli obiettivi di questa banda legata al Primo Commando Metropolitano (PCC), uno dei principali criminali. Le fazioni che dominano il traffico di droga in America Latina.

Nel 2019, mentre era ministro, Moro ha ordinato il trasferimento dello storico leader del Partito Comunista del Partito Comunista, Markus Willian Hrbas, detto “Markkula”, e di altri 21 membri di questa banda criminale, nelle carceri di massima sicurezza. .

Il procuratore incaricato del caso ha detto a G1 che questo duplice omicidio commesso in carcere avrebbe potuto essere compiuto per “cancellare le tracce” dei piani di omicidio.

READ  Biden: l’occupazione di Gaza da parte di Israele sarebbe un “enorme errore”

Come giudice, Sergio Moro è noto soprattutto per il suo ruolo nella massiccia operazione anti-corruzione “Lavage Express”, che ha preso di mira in particolare l’attuale presidente di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva, prima del suo ritorno al potere nel gennaio 2023.

Nel 2017 Lula è stato condannato dal tribunale di primo grado a più di nove mesi di carcere con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro. Quest’ultimo è stato incarcerato per 18 mesi nel 2018 e nel 2019.

Nel 2021, la Corte Suprema ha annullato tutte le condanne di Lula, ritenendo che il giudice Moro fosse “di parte”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *