Trump sta cercando di impedire che le sue dichiarazioni dei redditi vengano inviate al Congresso

Washington, Stati Uniti | Gli avvocati di Donald Trump hanno presentato un appello mercoledì per cercare di impedire che le dichiarazioni dei redditi dell’ex presidente degli Stati Uniti vengano inviate ai democratici del Congresso, sostenendo che è stato preso di mira per motivi esclusivamente politici.

• Leggi anche: Anniversario in commissione finalmente declassato a Obama

I suoi avvocati hanno affermato che “le richieste prendono di mira il presidente Trump perché è un repubblicano e un avversario politico”, parlando di “ritorsione” nella loro argomentazione presentata alla corte federale di Washington, DC.

I democratici, che controllano il Congresso, hanno cercato per anni di ottenere segreti fiscali dal 45esimo presidente degli Stati Uniti, il primo dagli anni ’70 a rifiutarsi costantemente di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi quando il miliardario ha fatto della sua fortuna un argomento nella sua campagna.

In un potenzialmente grande passo avanti per i Democratici, venerdì il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha ordinato al Dipartimento del Tesoro di “presentare queste informazioni” a un comitato della Camera.

Il comitato, che è responsabile per le questioni fiscali (“Ways and Means”), chiede una dichiarazione dei redditi di sei anni prima che Donald Trump si insediasse nel 2017. Sostiene di voler studiare come le autorità fiscali statunitensi (IRS) controllano i presidenti ‘finanze.

Un argomento che gli avvocati di Donald Trump hanno respinto.

“Mentre i membri democratici della Camera dei rappresentanti hanno offerto innumerevoli giustificazioni per ottenere le dichiarazioni dei redditi del presidente, nessuno all’epoca ha detto di voler sapere come l’IRS avrebbe esaminato i presidenti”, hanno scritto.

Hanno sottolineato che “le richieste sono state specificamente progettate e di fatto riguarderanno solo il presidente Trump”.

READ  La Bielorussia dirotta un aereo | Il Gruppo dei Sette chiede il "rilascio immediato" dell'avversario Protasevic

Il Dipartimento di Giustizia ha sostenuto questa argomentazione venerdì, scrivendo che era “possibile che alcuni funzionari del Congresso sperassero che le dichiarazioni dei redditi di Donald Trump sarebbero state rilasciate solo per metterlo in imbarazzo”.

Tuttavia, questi motivi non consentirebbero di invalidare la richiesta della commissione, ha ritenuto, perché “servisce chiaramente obiettivi legislativi legittimi”.

In vista delle elezioni presidenziali del novembre 2020, il New York Times ha pubblicato un sondaggio basato su 20 anni di dati fiscali riguardanti l’ex magnate immobiliare e la sua coorte.

Secondo il quotidiano, ha pagato solo 750 dollari di tasse federali nel 2016 e nessuna in dieci degli ultimi 15 anni, riportando più perdite che guadagni.

Donald Trump ha denunciato “false informazioni” e ha confermato di aver “pagato molte tasse” senza approfondire.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *