Trump: dove sono finiti i 457 minuti?

Già a gennaio 2020, Stavo parlando di confronto Tra Richard Nixon, l’unico presidente a dimettersi nell’intera storia degli Stati Uniti e il 45° presidente.

Non solo Donald Trump era più falso, peggiore di William Harding e di alcuni dei suoi predecessori del 19° secolo, ma come si suol dire, “È il dono che continua a dare”. Nonostante non sia in carica da gennaio 2021, scandali e polemiche fanno ancora notizia.

Anche questa settimana è riemerso il confronto con Richard Nixon. perché? Nixon si è dimesso tra le domande sul contenuto dei famigerati “nastri Nixon”, registrazioni il cui contenuto era stato “cancellato inavvertitamente” da una segretaria un po’ “distratta”.

  • Ascolta l’editoriale di Luc Laliberté sullo spettacolo dal vivo quotidiano di Richard Martineau alle 8:00. Attraverso Radio QUB :

È stato molto difficile non invocare questo episodio oscuro quando riveliamo informazioni recenti da un’indagine di Bob Woodward e Robert Costa sul Washington Post. Sì, lo stesso Woodward che ha contribuito a far luce sullo scandalo Watergate…

Se deploriamo la scomparsa di 18 minuti di registrazione sui nastri di Nixon, Woodward e Costa Ho scoperto che mancano 457 minuti Nei tabulati telefonici della Casa Bianca della giornata del 6 gennaio 2021.

Per diverse ore mentre i sostenitori del presidente attaccano il Campidoglio, è impossibile notare comunicazioni in entrata o in uscita dalla Casa Bianca riguardanti il ​​presidente. Pensi che sia normale per circa 8 ore nel bel mezzo della giornata trovare tanta tranquillità sulle linee telefoniche di un incumbent dello Studio Ovale? mai accaduto.

Il comitato del Congresso incaricato di fare luce sugli eventi del 6 gennaio 2021 ritiene che si tratti di un tentativo di insabbiamento. Non sarebbe la prima volta che Donald Trump usa un “telefono caldo”, un telefono usa e getta, quindi alcune delle sue chiamate non finiscono negli archivi nazionali.

READ  I sostenitori dell'avversario russo Navalny arrestati davanti alla sua prigione

Le rivelazioni dei giornalisti del Washington Post si aggiungono in cima alla pila di prove che coinvolgono Donald Trump e il suo entourage nel tentativo di ribaltare i risultati delle elezioni del novembre 2020.

Sappiamo già cosa produrrà la Commissione Camerale sotto forma di relazione. Il compenso sarà esorbitante, ma potrebbe comunque non avere senso se il giocatore più importante in questa situazione continua a tacere. Il nome di questo giocatore? Il procuratore degli Stati Uniti Merrick Garland.

Prima che i pesi massimi democratici alla Camera dei rappresentanti consegnassero una clamorosa lettera “fai il tuo lavoro” al procuratore generale lunedì, un giudice della California ha dato a Garland la strada da percorrere. David Carter, che non ha autorità in materia, ha affermato che il presidente Trump avrebbe probabilmente interrotto illegalmente la sessione congiunta del Congresso il 6 gennaio 2021.

Essendo sopravvissuto a due procedimenti di impeachment, che è essenzialmente politico, può sfuggire alla giustizia anche Donald Trump? Mentre Merrick Garland dovrebbe prestare attenzione e non avere margini di errore, la mancata indagine sul ruolo del presidente e di alcuni di coloro a lui vicini nel tentativo di dirottare i risultati elettorali rappresenterebbe una grave violazione.

Il fatto che gli Stati Uniti abbiano subito un simile attacco alla loro democrazia è già inquietante. Non investigare e, se necessario, reprimere, aprirebbe la porta a un altro tentativo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.