Trudeau sostiene l’Australia nel suo confronto contro Facebook

Il primo ministro Justin Trudeau ha sostenuto la sua controparte australiana nella sua lotta contro Facebook, che ha deciso di rimuovere la notizia dalla sua piattaforma la scorsa settimana.

I due primi ministri hanno concordato di “continuare a coordinare il loro lavoro per affrontare il danno online e per garantire che i ricavi dei giganti del web siano condivisi in modo più equo con i creatori e i media”, ha detto il signor Trudeau in un comunicato stampa martedì.

Nell’ambito dei negoziati con lo stato australiano, Facebook ha deciso di vietare ai suoi utenti australiani di condividere notizie la scorsa settimana.

Questa strategia di negoziazione mirava a punire il governo, che aveva chiesto, tra le altre cose, una migliore ripartizione delle entrate dai giornali e dai media del paese.

L’ecosistema dei media australiani, come tutte le principali democrazie, è stato impoverito in gran parte dall’ascesa di GAFAM, i giganti del web americani che hanno occupato un posto di rilievo nell’economia del paese e a livello globale.

Facebook ha cambiato tono martedì dopo aver firmato un accordo con il governo australiano, costringendo l’azienda a contribuire finanziariamente ai contenuti giornalistici, ma lasciando comunque la società libera di negoziare accordi privati ​​desiderati e scegliere i media che possono essere accettati sulla piattaforma.

In Canada, tutti gli occhi sono puntati sul ministro del patrimonio Stephen Gilbault, che è pronto a svelare la sua tanto attesa riforma delle leggi che regolano GAFAM nei prossimi mesi. Il signor Guilbeault ha ripetutamente dichiarato il suo sostegno all’iniziativa in Australia, descrivendo la tattica di Facebook come “estremamente irresponsabile”.

Importanti attori nei settori culturale e dei media in Canada hanno indicato il loro sostegno all’iniziativa del ministro.

READ  Diritti umani | Il rilascio saudita di Loujain Al-Hathloul e il "soccorso" del Canada

Il signor Guilbeault ha già incontrato leader di altri paesi che hanno anche i giganti del web nel mirino, tra cui Australia, Francia, Germania e Finlandia. Hanno discusso la possibilità di formare un fronte unito per consolidare la loro posizione nei negoziati.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *