Trattamento degli uiguri | Le sanzioni di Pechino contro il Canada sono “inaccettabili”, il giudice Trudeau

La Cina si vendica in Canada e negli Stati Uniti imponendo sanzioni a entità e individui, una mossa che il governo canadese ritiene “inaccettabile”.




La stampa canadese

Il Canada, gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Unione Europea hanno tutti adottato lunedì sanzioni contro quattro funzionari cinesi e un’entità per presunte violazioni dei diritti umani contro le minoranze musulmane in Cina.

Sabato, il ministero degli Esteri cinese ha detto che il Paese risponderà alla mossa “sulla base di voci e disinformazione”.

Per quanto riguarda il Canada, la Cina sta imponendo sanzioni al deputato conservatore Michael Chung, nonché alla sottocommissione internazionale per i diritti umani della Commissione permanente per gli affari esteri e lo sviluppo internazionale della Camera dei comuni.

FOTO SEAN KILPATRICK, archivio stampa canadese

Michael Chung

Questo sottocomitato, in cui siede il signor Chung, sta esaminando la situazione degli uiguri e di altre minoranze musulmane nello Xinjiang.

Il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che le sanzioni rappresentano un “attacco alla libertà di espressione, trasparenza e democrazia”.

Il Canada è solidale con i suoi parlamentari contro queste misure inaccettabili e continuerà a difendere i diritti umani con i suoi partner internazionali.

Justin Trudeau

Il suo ministro degli Esteri Marc Garneau ha aggiunto: “Continueremo a prendere le misure necessarie in caso di violazione degli obblighi internazionali in materia di diritti umani”.

Sui social media, il rappresentante Michael Chung ha affermato che le democrazie dovrebbero “parlare a nome di chi non ha voce”.

“Se questo significa che la Cina mi sta sanzionando, lo indosso come un segno d’onore”, ha scritto.

READ  Uno stabilimento balneare del XII secolo è stato scoperto in una taverna di Siviglia

Negli Stati Uniti, il presidente dell’USCIRF Gail Mansion e il vicepresidente Tony Perkins sono soggetti a sanzioni.

Le persone e le entità interessate non possono visitare la Cina e non potranno fare affari o commerciare con cittadini o organizzazioni cinesi.

Nella sua dichiarazione, il ministero cinese avverte che il governo cinese “è fermamente impegnato a proteggere la sua sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo”.

E sollecita altri paesi a “fermare la manipolazione politica e […] Per interferire negli affari interni della Cina, “altrimenti si bruceranno le dita”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *