Trasloco: Il sindaco restituisce gli oggetti ingombranti che ha lasciato sul marciapiede

Trasloco: Il sindaco restituisce gli oggetti ingombranti che ha lasciato sul marciapiede

Un francese, che si era sbarazzato dei suoi vecchi mobili e di altri oggetti di grandi dimensioni sul marciapiede, è rimasto spiacevolmente sorpreso quando li ha ritrovati in casa dopo che il sindaco della città li aveva rimessi fuori dalla finestra.

Quando lo scorso fine settimana Eddy Valadier, sindaco di Saint-Gilles, nel Gard, è stato allertato dagli agenti comunali della presenza di oggetti ingombranti depositati alla rinfusa in strada, ha immediatamente ordinato la loro restituzione al mittente.

“La nostra città non è un bidone della spazzatura”, ha detto il sindaco Valadier, prima di spiegare martedì ai media del programma 20 Minuti che “i rifiuti lasciati nei luoghi pubblici sono stati restituiti a casa degli imputati che hanno ammesso i fatti”.

Secondo i media locali, il consigliere comunale di destra ha viaggiato con gli agenti di polizia per assicurarsi che l’autore del reato ricevesse una grossa multa e restituisse i suoi mobili all’abitazione attraverso la finestra.

Sebbene il gesto del sindaco sia stato accolto favorevolmente da alcuni, ha suscitato aspri commenti sui social network poiché gli utenti di Internet hanno denunciato questa pratica di comunicazione, senza menzionare il fallimento del consiglio comunale riguardo alla raccolta dei rifiuti.

“Ad un certo punto, i servizi municipali arriverebbero ad una data concordata per rimuovere gli oggetti ingombranti”, si è lamentato un netizen, mentre un altro ha incolpato i centri di riciclaggio che “limitano il numero di sessioni di massaggi”.

READ  La giustizia indaga su New York con un deputato repubblicano che ha "decorato" il suo curriculum

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *