Tornato a Washington, Trump gioca l’idea di correre di nuovo nel 2024

Donald Trump, tornato a Washington per la prima volta dalla sua turbolenta uscita dalla Casa Bianca, martedì ha pronunciato un discorso degno di essere candidato alla campagna elettorale, sembrando flirtare con l’idea di correre per la rielezione.

• Leggi anche: Assalto al Campidoglio: Biden sbatte l’inerzia di Trump durante “l’inferno medievale”

• Leggi anche: Trump accusato di aver attaccato il Campidoglio? Spetta al ministro della Giustizia decidere

• Leggi anche: Trump e Pence ai raduni rivali in Arizona

Su invito dell’American Policy First Institute, un think tank gestito dai suoi alleati, il miliardario 76enne ha presentato un piano d’azione al presidente repubblicano che tornerà alla Casa Bianca nel 2024.

Per più di un’ora e mezza, ha ripreso i suoi argomenti preferiti – in particolare la lotta all’immigrazione e alla criminalità – mentre attaccava aspramente il suo successore, Joe Biden, accusato di “inginocchiare gli Stati Uniti”.

Dopo aver dipinto un quadro straziante del paese, è scivolato: “La storia non è ancora finita mentre ci prepariamo per una straordinaria rimonta, non abbiamo altra scelta”.

Nel gennaio 2021, l’ex magnate immobiliare ha lasciato il potere a testa china, due settimane dopo che il Campidoglio è stato attaccato da centinaia di suoi sostenitori.

Da allora non ha più messo piede nella capitale federale, mentre è rimasto al centro dell’attenzione di una commissione d’inchiesta parlamentare incaricata di fare luce sul suo ruolo in questo attentato che ha sconvolto il mondo intero.

Quest’ultimo ha appena organizzato una serie di audizioni pubbliche molto frequentate che hanno alzato il velo sulle sue manovre per rimanere al potere.

READ  Corea del Nord: la sorella di Kim Jong Un critica il 'tradimento' di Seoul

In risposta a una domanda dello stesso giorno sulla NBC, il procuratore generale Merrick Garland non ha escluso la possibilità che Donald Trump venga messo sotto accusa.

“Intendiamo ritenere responsabili tutti coloro che hanno responsabilità penali per (il loro ruolo) negli eventi del 6 gennaio, in qualsiasi tentativo di interferire con il trasferimento legale di poteri da un’amministrazione all’altra”, ha affermato.

Martedì, Donald Trump ha risposto che “tutto”, il comitato ha “solo teppisti e hacker”. Con un sorriso stampato in faccia, ha aggiunto: “Vogliono contattarmi, quindi non posso più lavorare per te, ma non credo che funzionerà”.

“Ancora quattro anni”, hanno poi cantato nella stanza lodandolo, indicando un possibile nuovo termine.

Chance Secondo il calendario, anche l’ex vicepresidente Mike Pence era in visita a Washington martedì, dove ha usato un discorso ai giovani conservatori per delineare il suo disaccordo con Donald Trump.

“Non siamo d’accordo sulle priorità”, ha affermato, delineando un programma incentrato sulla lotta all’aborto e sulla protezione del diritto di portare armi e delle libertà religiose.

Aggiunto questo conservatore cristiano che critica l’ex presidente per aver dedicato troppo tempo a contestare l’esito delle elezioni del 2020.

Donald Trump non ha mai ammesso la sconfitta. Evocando, senza alcuna prova, “frodi elettorali diffuse”, ha dedicato la maggior parte dei suoi interventi pubblici biennali alla denuncia delle “elezioni rubate”.

Tuttavia, quel discorso è stato posticipato martedì. “Dico sempre che ho corso una volta e ho vinto, poi ho corso di nuovo e ho vinto più voti”, ha detto.

Prima di aggiungere “potrei doverlo fare una terza volta!” , promettendo “dettagli” nelle prossime settimane.

READ  parlare | Giorno dell'Indipendenza, Ariel Henry era a Gonaives ma non ha potuto pronunciare il suo discorso

Donald Trump mantiene una posizione centrale con i repubblicani. Sembra che abbia mantenuto un nucleo di fedeli sostenitori, il che lo metterebbe al centro della scena se decidesse di cercare la nomination.

Ma i critici stanno danneggiando la sua immagine, permettendo ai suoi rivali, come il governatore della Florida Ron DeSantis, di guadagnare terreno.

Quasi la metà dei repubblicani che votano alle primarie preferirebbe qualcuno diverso da Donald Trump, secondo un recente sondaggio del New York Times e del Siena College.

La scorsa settimana, il 6 gennaio 2021 il Wall Street Journal e il New York Post, di proprietà dell’influente famiglia Murdoch, hanno pubblicato editoriali che criticano il comportamento di Donald Trump.

Tuttavia, il suo discorso è stato seguito ai massimi livelli. “Potresti dire che sono vecchio stile, ma non credo che incitare la mafia ad attaccare gli agenti di polizia mostri ‘rispetto per la legge'”, ha scritto Joe Biden su Twitter.

“Se sei pro-insurrezione, non puoi essere pro-polizia, pro-democrazia o pro-americano”, ha continuato il presidente 79enne, che potrebbe candidarsi anche per un secondo mandato nel 2024.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.