Tensioni con l’Azerbaigian | L’Armenia cerca aiuto dalla Russia

(Yerevan) Armenia e Azerbaigian hanno tenuto colloqui venerdì senza alcun risultato nel tentativo di allentare le recenti tensioni che preoccupano la comunità internazionale, con Yerevan che afferma di aver richiesto aiuti militari dalla Russia pochi mesi dopo una sanguinosa guerra.


Mary Harutyun
France Media

Parlando al parlamento a fine giornata, il primo ministro armeno Nicole Pachinyan ha affermato che i negoziati iniziati durante la giornata sono stati sospesi e riprenderanno sabato.

Ha aggiunto: “La nostra posizione è chiara: le forze azere devono lasciare le terre armene”, accusando Baku di voler “incitare uno scontro militare”, sottolineando di aver chiesto al presidente russo Vladimir Putin “di aiutare la Federazione Russa, compresa l’assistenza militare. ”

La Russia e l’Armenia sono legate da un’alleanza militare all’interno dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO), che comprende altre quattro ex repubbliche sovietiche.

L’articolo 2 del trattato istitutivo della CSTO stabilisce che i firmatari si impegnano a discutere la risposta collettiva in caso di minacce all’integrità territoriale di uno Stato membro.

Giovedì l’Armenia ha accusato le forze azere di aver violato i confini per controllare il territorio sulle rive del lago Seif, condiviso tra i due paesi. Questo piccolo lago si trova sulle alte montagne ai margini dell’area che l’Azerbaigian ha rioccupato lo scorso autunno durante il conflitto del Nagorno-Karabakh.

Baku ha respinto le accuse, che ha definito “sorprendenti”, sostenendo di aver dispiegato guardie di frontiera sul suo territorio.

Questa rinnovata tensione, dopo alcuni mesi di guerra, preoccupa i paesi occidentali, in particolare Washington e Parigi, che hanno chiesto un “ritiro immediato delle forze azere dalle terre armene”, che indica il loro sostegno al signor Pachinyan. Quest’ultimo ha parlato giovedì sera con Emmanuel Macron.

READ  L'amministrazione Trump ha ottenuto tabulati telefonici dai giornalisti

Venerdì, Pacinian ha aggiunto che il presidente francese “sta studiando la possibilità di inserire la questione nell’agenda del Consiglio di sicurezza dell’Onu”.

Avvertimento del Cremlino

Da parte loro, gli Stati Uniti, che intrattengono buoni rapporti con i due oppositori, hanno detto venerdì di aver appreso dei rapporti sul ritiro delle forze azere e li hanno nuovamente invitati a lasciare le terre armene.

“Le mosse militari nelle aree contese sono irresponsabili e inutilmente provocatorie”, ha detto la portavoce del Dipartimento di Stato americano Galina Porter.

“Ci aspettiamo che l’Azerbaigian ritiri immediatamente le sue forze e fermi ogni ulteriore provocazione”, ha detto.

Il primo ministro armeno, che ha parlato anche con Putin, aveva indicato in una dichiarazione in questa occasione che avrebbe rilevato l’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva per ottenere il sostegno militare.

Tuttavia, il Cremlino è rimasto diffidente, notando solo che Putin aveva insistito sul fatto che l’Armenia e l’Azerbaigian rispettassero l’accordo per la cessazione delle ostilità, firmato sotto i suoi auspici a novembre, sei settimane dopo la guerra mortale per il controllo del Nagorno-Karabakh.

Secondo il portavoce presidenziale russo, il leader armeno “ha informato il presidente Putin della sua preoccupazione” durante una conversazione telefonica, ma “Pashinyan non ha chiesto aiuto”.

Da parte sua, il vice primo ministro armeno Tigran Avignan ha dichiarato: “Dobbiamo essere preparati al peggio, per difendere la nostra terra sovrana”.

Il capo della diplomazia azera, Jihon Bayramov, ha parlato con un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano e ha detto che voleva “normalizzare la situazione” e ha confermato che i colloqui erano in corso, secondo il ministero azero.

READ  Russia: l'avversario Alexei Navalny dice di essere imprigionato in "campo di concentramento"

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha affermato in una dichiarazione che l’Unione europea sta seguendo questi eventi “con preoccupazione”, aggiungendo che “la demarcazione e la demarcazione dei confini devono avvenire attraverso negoziati”.

Azerbaigian e Armenia si sono scontrati nell’autunno del 2020 per il controllo del Nagorny Karabakh, una regione separatista armena nelle terre azere, provocando la morte di oltre 6.000 persone e la sconfitta a Yerevan, che ha dovuto cedere importanti regioni a Baku.

Nonostante il cessate il fuoco firmato sotto gli auspici di Mosca e il dispiegamento di forze di pace russe, le tensioni sono continuate nella regione.

Il conflitto del Karabakh tra Azerbaigian e Armenia ha destabilizzato il Caucaso per più di trent’anni. Yerevan aveva vinto la prima guerra all’inizio degli anni ’90.

Sotto la pressione dell’opposizione dalla sconfitta militare nell’autunno del 2020, Nicole Pachinyan sta conducendo una campagna dopo essere stato costretto a convocare elezioni legislative anticipate a giugno.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *