Tariffe sui fertilizzanti russi | L’UPA non ha offeso la consegna delle entrate tariffarie all’Ucraina

(Ottawa) L’UPA, i cui membri sopportano il peso delle sanzioni canadesi sui fertilizzanti russi e bielorussi, approva la decisione del vice primo ministro Chrystia Freeland di pagare 115 milioni di dollari in tasse per riparare la rete di Kyiv Electric. Ma anche i produttori agricoli vogliono aiuto, e presto.


Imporre queste tariffe e quindi trattare la Russia su un piano di parità con la Corea del Nord in termini di commercio internazionale è “abbastanza appropriato”, ha affermato Chrystia Vreeland, di ritorno da Parigi, dove ha partecipato alla conferenza Solidaires du People dell’Ucraina.

“Sappiamo che alcuni agricoltori canadesi […] Sono stati colpiti e pensiamo che sia molto appropriato avere una discussione e uno sforzo per sostenerli […]perché hanno una dipendenza storica [à ces produits] “Non è colpa loro”, ha continuato.

Stipendi costosi

È il caso dell’Unione dei produttori agricoli (UPA), dove le tariffe sono state colpite del 35% nel 2022, costando loro circa 33 milioni di dollari in più, afferma il presidente generale del sindacato, Martin Caron. “Hai bisogno di un programma per sostenerci, perché siamo l’unico posto in America che ha avuto quell’impatto”, spiega in un’intervista.

Tra l’85% e il 90% del fertilizzante azotato utilizzato dai produttori del Quebec, dell’Ontario e delle province atlantiche proviene dalla Russia. Questo non è il caso degli Stati Uniti o del Canada occidentale. Pertanto, l’UGC ha una “previsione di bilancio federale” da presentare la prossima primavera.

Chi lo firma assicura che Ottawa è sensibile alla questione. “La volontà è dalla nostra parte. La porta è completamente aperta”, ha affermato il ministro delle finanze canadese Chrystia Freeland, che dovrebbe iniziare il suo giro di consulenza pre-budget nelle prime settimane del 2023.

READ  La Russia accusa Londra di impedirle di partecipare alla riunione dell'OSCE

E da parte dell’UPA, siamo sensibili alla questione ucraina. Dall’inizio del conflitto, siamo stati solidali con i produttori in Ucraina e con il popolo ucraino. “Siamo totalmente d’accordo nel sostenerli, indipendentemente dalle fonti di finanziamento”, ha detto al telefono il capo generale Martin Caron.

“Sono molto a mio agio con questo. Ma sì, stiamo assistendo a un impatto. Aggiungiamoci l’inflazione e tutto il resto…” continua.

“aiutare gli agricoltori”

In attesa del bilancio di primavera, il segretario Freeland ha dichiarato martedì in un comunicato stampa che l’assistenza finanziaria di Ottawa a Kiev “aiuterà l’Ucraina a proteggere la sua infrastruttura energetica ea superare il difficile inverno in arrivo”.

La sua collega agricoltrice, Marie-Claude Bibeau, è chiaramente coinvolta nel profilo tariffario. “Sto lavorando con il mio team per vedere se ci sono altri modi per aiutare gli agricoltori”, ha detto martedì, aggiungendo che i fornitori “cercano fonti alternative” di fertilizzante, che è soggetto a prezzi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.