Tacere o dire la verità?

Il capo di stato deve sempre dire la cruda verità? Sabato, Joe Biden ha ufficialmente riconosciuto l’esistenza di un genocidio turco contro gli armeni.

Non c’è storico serio che neghi che i turchi abbiano commesso un simile genocidio.

Ma è giusto che Joe Biden faccia questo tipo di affermazione? Perché Biden è destinato a litigare con il presidente turco. Questo tipo di condanna non crea un’atmosfera per un dibattito amichevole.

È vero che nel 2019 il Congresso degli Stati Uniti ha votato per dichiarare il riconoscimento del genocidio armeno. I suoi portavoce hanno affermato che Donald Trump in seguito si è rifiutato di riconoscere questo genocidio, per preservare le buone relazioni tra la Casa Bianca e la Turchia.

Certamente, Erdogan utilizzerà la dichiarazione di Biden per rafforzare la sua vacillante popolarità nel nome della difesa dell’onore della Turchia.

Ad Ankara, la dichiarazione viene interpretata come un’indicazione che gli Stati Uniti potrebbero recidere i legami con la Turchia.

Dopo aver ammesso pubblicamente che Vladimir Putin è un assassino e aver spiegato che Xi Jinping non ha alcun punto democratico in lui, quale sarà il prossimo obiettivo di Biden? Principe ereditario dell’Arabia Saudita?

La triste verità è che in un mondo dominato da dittature, il presidente degli Stati Uniti non può raccontare a tutti i leader le loro quattro verità senza rischiare di diventare persona non grata negli incontri internazionali.

Un gesto politico serio

Insultare un altro capo di stato in pubblico è sempre un’attività pericolosa. A volte è necessario un gesto politico, ma non mostra rigorosamente la verità.

Dato l’amore di Trump per i dittatori e la sua malata cultura della menzogna, i commenti di Biden sono ben accetti, anche se solo per delimitare la sua amministrazione dall’era Trump e riportare gli Stati Uniti a una qualche supremazia morale.

READ  Russia | Quasi 200 arresti durante un forum politico dell'opposizione

Finché questi commenti di Biden rimangono concentrati e scarsi, possono essere analizzati come parte di un ampio contrattacco progettato per annientare la propaganda antidemocratica.

In effetti, molte dittature, a cominciare dalla Cina, stanno cercando di presentarsi come una ragionevole alternativa alla democrazia. Stanno anche cercando di impedire al resto del mondo di emettere giudizi per i crimini che commettono sulla loro terra.

La posizione morale, non politica

Il problema è che la dichiarazione di Biden su Putin è sembrata spontanea. Il presidente Xi non stava cercando di stabilire un equilibrio di potere. Il caso del genocidio turco aveva come obiettivo specifico l’impero ottomano, non la Turchia di oggi.

Così Biden si pone sulla base della morale, non sulla base della politica. Tuttavia, nessun capo di stato può limitare le sue dichiarazioni in materia di moralità.

Le dichiarazioni morali di Biden hanno deliziato molti sostenitori democratici. Ma potrebbe essere rapidamente controproducente a livello internazionale se si accumula.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *