Stati Uniti: il Montana sta per approvare una legge per vietare TikTok

Stati Uniti: il Montana sta per approvare una legge per vietare TikTok

Il Montana deve varare venerdì una legge per vietare TikTok, disposizione difficile da far rispettare ma che aumenta già la forte pressione negli Stati Uniti contro la popolare piattaforma del gruppo cinese ByteDance.

La Camera dei rappresentanti in questo stato del nord-ovest a maggioranza repubblicana ha votato giovedì 60-39 a favore del disegno di legge SB419 che “vieterebbe TikTok nello stato del Montana”.

Il voto finale è previsto per venerdì – il Senato aveva già approvato quel testo a marzo. Una volta ratificato dal governatore, dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2024.

“È ora di opporsi ai cinesi e vietare TikTok”, ha lanciato l’attore Brandon Lear dopo un atto d’accusa contro la Cina che “vuole i nostri dati e la nostra proprietà intellettuale” e una pericolosa applicazione per “la salute e la sicurezza, soprattutto dei più piccoli”.

Dal Montana alla Casa Bianca, diversi democratici e repubblicani eletti accusano l’app di utilizzare brevi video divertenti del governo cinese per spiare e manipolare gli utenti.

Il Congresso degli Stati Uniti sta lavorando a progetti di legge per bandirli nel Paese.

TikTok, che da tempo nega le accuse, ha cercato invano di rassicurare le autorità.

Vanessa Pappas, COO di TikTok, ha risposto dopo il voto del Senato all’inizio della camminata.

Ha insistito sul fatto che il testo avrebbe “escluso il Montana da una comunità di 150 milioni di persone negli Stati Uniti”.

Seguire i tribunali

Secondo una portavoce dell’app contattata giovedì, gli autori di questa legge “hanno ammesso la mancanza di un piano realistico per attuare questo tentativo di censurare i voti americani”.

La costituzionalità di questo testo sarà decisa nei tribunali. “Continueremo a lottare per gli utenti e i creatori di contenuti di TikTok nel Montana”, ha aggiunto.

READ  Migranti: Lukashenko accusa l'Unione Europea di rifiutare ogni dialogo con la Bielorussia

La legge vieta ai due app store, ovvero Google (Android) e Apple (iOS), di distribuire TikTok agli utenti del Montana.

Apple e Google non hanno risposto immediatamente alle richieste di AFP.

Il testo menziona multe per le aziende che trasgrediscono, ma non per gli utenti. È stato anche specificato che la legge verrebbe invalidata se TikTok fosse acquistata da una società di un Paese che “non è considerato nemico” degli Stati Uniti.

Diversi esperti indipendenti hanno indicato che la legge sarà quasi certamente impugnata in tribunale ed è improbabile che venga applicata.

“Solleva molte questioni spinose e non è chiaro come lo stato sarà in grado di difendersi e vincere”, ha affermato Carl Tobias, professore di diritto all’Università di Richmond.

“Il Montana vuole meno regolamentazione possibile”, ha detto. “Di certo non possiamo togliergli le armi da fuoco”.

“pregiudizio anti-cinese”

“SB419 incarna perfettamente l’assurdità e il fanatismo del Montana Council”, ha twittato mercoledì Keegan Medrano, un funzionario della sezione locale della potente ACLU.

“Vietare TikTok è incostituzionale in termini di libertà di espressione, poco pratico perché esclude gli ISP e le reti private virtuali (VPN) ed è guidato da pregiudizi anti-cinesi”.

Alla fine di marzo, il capo dell’app, Xu Qiu, ha subito attacchi da parte di funzionari eletti di una commissione parlamentare statunitense durante un’udienza durata diverse ore.

La portavoce della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha parlato sulla scia dei “negoziati in corso con ByteDance” e ha spiegato che il governo “ha sostenuto con forza” il Restriction Act, uno dei disegni di legge destinati a vietare TikTok.

A meno che ByteDance non trovi un acquirente statunitense per la piattaforma in “da tre a sei mesi”, “TikTok sarà probabilmente bandito entro la fine dell’anno”, ha stimato l’analista Dan Yves di Webdush Securities.

READ  Mosca promette una risposta "forte" e "dolorosa" agli americani

Il servizio è già bloccato sugli smartphone di funzionari e dipendenti di molte organizzazioni, dalla Commissione Europea ai governi canadese, britannico e statunitense.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *