Stati Uniti | Gli sforzi antirazzisti delle scuole non sono apprezzati da tutti

(Leesburg) “Siete pronti a riprendere il controllo delle vostre scuole? Sul palco, l’attivista repubblicana Patty Mennders ha denunciato i programmi scolastici antirazzisti che, dice, insegnano ai bambini bianchi a considerarsi “oppressi”.


Charlotte Plantive
Agenzia di media Francia

“Sì!” Risposte combinate Centinaia di manifestanti si sono radunati lo scorso fine settimana davanti al quartier generale dell’amministrazione della contea di Loudoun, un ricco sobborgo di Washington, scosso dalla battaglia finale della “guerra culturale” in corso negli Stati Uniti.

Attaccando l’aborto o le persone transgender, i conservatori hanno combattuto negli ultimi mesi una battaglia contro una “teoria razziale critica” che si sta facendo strada nelle scuole pubbliche di tutto il paese.

Il termine identifica una linea di pensiero emersa nelle scuole di diritto americane alla fine degli anni ’70 che analizza il razzismo come sistema, con le sue leggi e la logica del suo potere, piuttosto che a livello di pregiudizi individuali.

I critici lo usano come una frase onnicomprensiva che racchiude tutti gli sforzi degli educatori per continuare ad affrontare gli episodi oscuri della storia americana, tra cui la schiavitù e la segregazione, e per affrontare gli stereotipi razziali.

Elizabeth Perrin, madre di famiglia nella contea di Loudoun, è convinta che ai bambini dai 7 anni in poi venga insegnato ad “analizzare tutto dal punto di vista del colore della pelle e non da quello del carattere” e “a vergognarsene. Sii bianco, “vedere se stessi oppressi di fronte agli oppressi”.

“Rivoluzione”

La sua retorica riecheggia quella dell’ex presidente repubblicano Donald Trump, che in autunno ha interrotto i corsi di formazione che il suo predecessore Barack Obama aveva istituito per educare i funzionari federali alla diversità.

READ  Sparatoria al Walmart in Texas L'autore del reato pagherà milioni alle sue vittime

“Insegniamo alla gente che questo Paese è terribile, razzista, e insegniamo loro a odiare il Paese”, ha giustificato, denunciando “una rivoluzione radicale in atto nell’esercito, nelle scuole, ecc.”. “.

Da allora, almeno sedici repubbliche, tra cui Texas e Florida densamente popolate, hanno approvato o stanno approvando leggi che vietano alle scuole pubbliche di insegnare “teoria della razza critica” o di perdere le borse di studio.

Anche se un po’ vaghi, questi testi “rendono i professori molto nervosi”, ha affermato Dorinda Carter Andrews, cattedra di scienze dell’educazione presso la Michigan State University.

“Si chiedono come faranno a parlare della questione razziale”, quando questa si è naturalmente “infiltrata” nelle scuole sulla scia delle grandi manifestazioni seguite alla morte dell’afroamericano George Floyd sotto le ginocchia di un poliziotto bianco nel maggio 2020, spiega.

Preso atto di questo aumento dell’antirazzismo, le autorità scolastiche hanno iniziato ad organizzare corsi di formazione ea pensare a nuovi programmi, e questo mette “a disagio” alcuni genitori, come questa regola afroamericana.

“Vergogna”

“I miei figli parlano sempre di razzismo”, conferma una donna bianca sulla quarantina che è passata all’AFP a Leesburg che, come la maggior parte dei manifestanti, non voleva essere nominata. È sempre “Razzisti!” “Proviene dalla scuola, deve finire”, ha protestato.

“C’è razzismo, ma esiste tra tutte le razze”, continua questa madre di due figlie adolescenti, che soprattutto non vuole che un gruppo in particolare venga “discriminato” per paura che divida ulteriormente il Paese.

“La supremazia bianca è reale”, ha risposto Liz Carroll, la contro-manifestante che ha quasi scritto la formula sullo striscione di sabato.

Questa madre bianca dice di “vergognarsi” dell’atteggiamento dei suoi vicini che interrompono ogni riunione delle autorità scolastiche, moltiplicando petizioni, manifestazioni, interviste nei media conservatori e denunce legali per portare avanti la loro causa.

READ  Claude, l'intelligenza artificiale che arriva a competere con ChatGPT?

Anche in altri luoghi il clima è teso.

La scorsa settimana, gli studenti di un liceo di Long Island, a nord dello stato di New York, hanno chiesto, tra le altre cose, che i libri del programma includessero più autori di colore. Un’insegnante di una scuola privata del New Jersey si è improvvisamente dimessa, accusando la sua scuola di “aver costretto gli studenti in una situazione privilegiata o in una vittima”.

“La maggior parte dei critici della teoria critica della razza non l’ha mai letta”, ha detto Jamal Donnor, un professore di educazione della Virginia, per il quale tutto questo dibattito è politico. “I repubblicani hanno bisogno di questo spaventapasseri per mobilitare la loro base”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *