Sputnik V | Il vaccino di Sputnik respinto sulla base dei dati russi, difendendo il Brasile

(Brasilia) Il capo dell’agenzia di regolamentazione Anvisa ha detto giovedì che il rifiuto del Brasile di consentire l’importazione di dosi del vaccino russo, Sputnik V, si basa sui dati forniti dai suoi stessi sviluppatori, difendendosi dalle accuse di diffamazione da Mosca.




France Media

Antonio Barra Torres ha confermato durante una conferenza stampa che “informazioni sulla presenza di adenovirus capaci di replicazione si trovano nei documenti presentati ad ANVISA dai progettisti del vaccino Sputnik”.

Foto di Shamil Zomatov, Reuters Archive

Un medico specialista mostra una fiala di Sputnik V a Mosca.

Ha smentito le “gravi accuse” degli stilisti russi contro ANVISA, accusati di “mentire, agire in modo non etico e fornire false informazioni”.

“La base della nostra analisi tecnica è che i vaccini dovrebbero essere sicuri. Gustavo Mendes, uno dei direttori di ANVISA, ha insistito giovedì durante la stessa conferenza stampa che i vaccini dovrebbero proteggere e non fare danni.

Secondo l’agenzia, queste informazioni fornite dal laboratorio russo Jamali hanno dimostrato che il vaccino porta una versione attiva di un comune virus che causa il raffreddore.

Questi risultati “sollevano interrogativi sulla sicurezza del processo di fabbricazione” di questo vaccino e potrebbero rappresentare un rischio per le persone con un sistema immunitario indebolito, se il problema fosse diffuso, secondo le stime dell’AFP, la virologa statunitense Angela Rasmussen.

L’agenzia sanitaria brasiliana lunedì si è opposta alla richiesta di diversi stati del Brasile di importare lo Sputnik V, affermando che mancavano dati per garantirne la sicurezza e l’efficacia.

La direzione dell’agenzia ha seguito la raccomandazione dei suoi esperti citando “incertezza” sul vaccino, che non è stato ancora approvato dalle agenzie sanitarie dell’Unione Europea (EMA) e degli Stati Uniti (FDA).

READ  Vaccino Pfizer-BioNTech | Health Canada approva sei dosi per fiala

I progettisti russi del vaccino Sputnik V contro il Coronavirus hanno condannato la decisione “politica”. Giovedì mattina, hanno minacciato di citare in giudizio ANVISA per diffamazione.

In una presentazione pubblicata online, gli scienziati dell’ANVISA hanno affermato che testando campioni della seconda dose di Sputnik V ha rivelato che l’adenovirus era “in grado di riprodursi”, quindi era ancora in grado di crescere e moltiplicarsi quando iniettato nel corpo.

Stimano che questa situazione possa essere dovuta a un difetto di fabbricazione chiamato “ricombinazione”, in cui l’adenovirus modificato ha ripristinato i geni necessari per la sua riproduzione quando è stato coltivato in laboratorio in cellule umane artificiali. Hanno detto di aver testato solo la seconda dose del vaccino.

Al di fuori della Russia, questo vaccino viene utilizzato in molti altri paesi, tra cui Argentina, Messico e Venezuela.

In Brasile, che ha circa 400.000 morti per Coronavirus, la vaccinazione avanza molto lentamente a causa del numero insufficiente di dosi.

Finora, 28 milioni di persone hanno ricevuto solo la prima dose, ovvero il 13,2% della popolazione, e 12 milioni di persone.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *