[Sport] Juventus Academy a Du Port: “un progetto commerciale e tecnico”

Lorenzo Grossi, Direttore della Juventus Academy, ha potuto gettare le basi per la partnership con EF du Port, durante la sua permanenza sull’isola.

È ora di iniziare già, ma ha promesso di tornare a un nuovo punto di fase prima della fine dell’anno. Entro una settimana, Lorenzo Grossi potrà formare insegnanti e condurre sessioni di allenamento con i giovani calciatori dell’EF du Port che, lo scorso febbraio, ha aperto la sede locale della Juventus Academy, a pagamento, importo non reso noto. Per il Responsabile Sviluppo Strutture Italiane: “Questo è un passo importante perché è il primo. Abbiamo bisogno di tempo per mettere tutto a posto e applicare la stessa metodologia e la stessa organizzazione della Juventus”. A conclusione della sua permanenza, ieri mattina l’Envoy ha anche dato il suo tempo per lavorare con le scuole, oltre alla nuovissima scuola portieri Giovanna d’Arco.

Perché è importante che la Juventus abbia un’Accademia alla Reunion?

“Creare un’isola come Reunion è una novità per noi e abbiamo l’opportunità di fare cose interessanti qui.

Ma qual è il vantaggio del tuo club?

È un progetto commerciale e artistico. Aprire una filiale significa diffondere il nostro marchio nel mondo, che è molto importante per l’immagine. Anche per i giocatori e gli insegnanti, che hanno la possibilità di venire a Torino per allenarsi, per vivere un’esperienza straordinaria durante i Mondiali per le nostre Accademie.

Riunione Academy potrà partecipare?

Sì, è un torneo che comprende tutte le accademie del mondo, e la prossima edizione è prevista per il 2022, forse a giugno. Offre l’opportunità di giocare all’Allianz Stadium. Allo stesso modo è possibile venire a Torino per seguire con noi un corso di formazione di una settimana, per vedere lo stadio e assistere alla partita di Al-Alam.

READ  Il Montpellier farà affidamento su Reinach, il suo primo incarico con Le a Sobouaga

Un giocatore è stato avvistato in una delle tue accademie all’estero per partecipare al corso professionale?

Le partnership, come quella attuale, sono iniziate nel 2015, quindi le Accademie Estere sono ancora nuove di zecca. Per venire in Italia, la FIFA richiede un’attesa di 6 anni. Di tutti i nostri campus, oggi c’è solo un giocatore che fa parte del Team Primavera ed è il Team U19, ed è di Toronto. Se l’oggetto è molto buono, siamo molto felici di dargli la possibilità di giocare per la Juventus.

“Vincere è secondario”

Che impressioni ha fatto sull’isola in termini di calcio dopo questo primo soggiorno?

La prima cosa che cerco quando scopro che lo stato è la cultura. Se non conosci la cultura e le tradizioni, sarà difficile realizzare un progetto insieme. Le strutture sportive sono fantastiche, la Port Football School ha una buona organizzazione, quindi tutte le condizioni sono soddisfatte. Dobbiamo lavorare? Si. Ma siamo partiti bene. Spero che nei prossimi anni saremo in grado di espandere il progetto a tutta l’isola, non solo al porto.

La collaborazione dura tre anni. Poi?

Iniziamo in tre anni per conoscerci, assorbendo la metodologia e il modo in cui vogliamo lavorare. Se tutto è in ordine ed è legittimo che entrambe le parti continuino insieme, faremo un’estensione.

Parli molto della metodologia. Qual è la filosofia bianconera?

Prima di tutto: impegno. Che i giocatori partecipino al progetto durante l’allenamento. Poi l’esperienza: se dai la giusta metodologia una volta che inizi a giocare, il resto della tua carriera probabilmente ti seguirà. Quando un giovane scende in campo, deve essere concentrato, divertendosi e imparando qualcosa.

READ  He named Dylan Larkin the captain of the 37th Detroit Red Wings team

Hai stabilito gli obiettivi di risultato per le divisioni che verranno inserite nei Campionati giovanili della Riunione?

No, non ci sono requisiti per ottenere risultati. Ciò che conta è la crescita. Vincere è secondario.

La Juventus che ha appena perso il titolo di campione italiano, la foto non prende gran parte di una sconfitta?

(Alza le spalle) Va bene … siamo campioni per nove anni consecutivi, quindi possiamo lasciare un anno per gli altri. Abbiamo comunque vinto la Supercoppa Italiana e la Coppa Italia quest’anno. È davvero buono e lavoriamo ogni giorno per migliorarlo. La Juventus continua a ispirare sogni “.

Anthony Robinson

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.