Sei corpi mutilati nell’auto della “droga” in vista del presidente messicano

Sei corpi mutilati sono stati trovati in un’auto in Messico giovedì, lo stesso giorno in cui il presidente ha attaccato una “droga” su Netflix che ha affermato di aver pubblicato una foto molto “rosa” di gangster.

• Leggi anche: “Massacro” che ha ucciso 20 persone in una sparatoria in Messico

I resti umani sono stati ritrovati nello stato di Guerrero (sud), famoso per la sua capitale turistica, Acapulco, e per l’anestesia.

I media locali hanno riferito che le teste sono state trovate sul tetto dell’auto. La Procura locale ha annunciato l’apertura di un’indagine.

I cadaveri mutilati sono spesso messaggi inviati da bande rivali.

Lo scorso gennaio, dieci corpi sono stati ritrovati in un’auto abbandonata di notte davanti al palazzo del governo di Zacatecas (Nord), per la quale si stanno battendo le due cosche più potenti del Paese.

Circa 15 corpi in totale sono stati trovati impiccati in pubblico lo scorso novembre nello stesso stato.

Il 6 giugno, due presidenti sono stati abbandonati davanti a un seggio elettorale il giorno delle elezioni legislative a Tijuana (Nordovest).

Non correlato alla scioccante scoperta, il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha criticato la catena del traffico di droga durante la sua conferenza stampa quotidiana, citando la piattaforma Netflix.

Questa serie descrive “le bande di trafficanti di droga, con attori, uomini, donne, bellissime (…) auto moderne, gioielli, abiti firmati, potere”.

Questi prodotti danno risalto ai pervertiti che sono subordinati al potere, lamentava il capo dello stato.

Ignorano “la distruzione dei giovani in particolare. E parliamo di migliaia di morti negli Stati Uniti”, riferendosi alle vittime di overdose.

READ  La regione di Kiev "liberata" dalle forze russe

AMLO – le sue iniziali e cognome – ha commentato la presentazione di una denuncia sul consumo e il traffico di droga.

Netflix offre una ventina di film sul mondo degli spacciatori di droga in Colombia e Messico, alcuni dei quali molto popolari (“Queen of the South” o “El senor de los cielos”).

Le autorità attaccano da diversi anni la “cultura della droga”, espressa anche come “narcocorridos” (canzoni per la gloria dei trafficanti, ora bandite nello stato di Sinaloa, roccaforte di molti signori della droga).

Un totale di 340.000 persone sono state uccise in Messico dal 2006, quando le autorità hanno lanciato un’operazione militare antidroga.

Secondo il presidente, il 75% di questi omicidi sono legati al traffico di droga (insediamento di decine tra cartelli…).

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.