Secondo l’Iran, gli attacchi nello Yemen “contrari” alla retorica americana

Secondo l’Iran, gli attacchi nello Yemen “contrari” alla retorica americana

Domenica l'Iran ha condannato “fortemente” i nuovi attacchi degli Stati Uniti e del Regno Unito nello Yemen, che ha affermato essere “incoerenti” con il desiderio dichiarato di “non voler espandere il conflitto” in Medio Oriente.

Il portavoce diplomatico iraniano Nasser Al-Kanani ha ritenuto in un comunicato stampa che questi attacchi costituiscono “una ripetuta violazione della sovranità e dell’integrità territoriale dello Yemen e una flagrante violazione del diritto internazionale”.

Per lui, Washington e Londra “usano l'approccio militare per raggiungere i loro obiettivi illegittimi”. Le loro azioni “contraddicono chiaramente le loro ripetute affermazioni secondo cui non vogliono che il conflitto si estenda alla regione”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confermato martedì scorso che “non sta cercando” “una guerra più ampia in Medio Oriente”, sullo sfondo del conflitto tra Israele e il movimento palestinese Hamas nella Striscia di Gaza.

Stati Uniti e Regno Unito hanno annunciato di aver preso di mira 36 obiettivi ribelli “in 13 località dello Yemen in risposta agli attacchi in corso lanciati dagli Houthi sostenuti dall’Iran” contro il traffico marittimo commerciale e le navi da guerra che attraversano il Mar Rosso, secondo quanto Lo ha riferito la Reuters. Ad una dichiarazione congiunta.

Questi attacchi aerei arrivano il giorno dopo una serie di attacchi statunitensi contro le forze d’élite iraniane e i gruppi armati filo-iraniani in Siria e Iraq, in risposta all’uccisione di tre soldati americani in Giordania il 28 gennaio.

READ  Non è un killer, è una lezione di yoga!

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *