Scopri il limoncello nel sud Italia e prova a prepararlo da solo a casa

Ceramiche con motivo limone a Positano — Foto per gentile concessione di Beth Reiber

A Sorrento, nell’isola di Capri e sulla Costiera Amalfitana nel sud Italia, i limoni non possono scappare. Sono appesi agli alberi praticamente in ogni giardino. I limoneti terrazzati evitano drasticamente le colline costiere, come hanno fatto per secoli. I negozi di souvenir vendono ceramiche, grembiuli, tovaglie e altri oggetti decorati con le immagini del frutto giallo. C’è la torta al limone, la marmellata di limone e le caramelle al limone. Anche i turisti scivolano per le strade indossando abiti, camicie e calzini decorati con limoni.

Al di fuori dell’Italia meridionale, tuttavia, i famosi limoni della regione viaggiano per il mondo, principalmente sotto forma di liquore noto come limoncello. Sebbene considerato un drink dopo cena, il limoncello viene servito anche nei cocktail, come lo spritz al limoncello, che aggiunge ghiaccio, prosecco e acqua frizzante.

Sorprendentemente, data la sua popolarità, il limoncello non proviene da una ricetta antica. Sebbene la tradizione locale parli di monaci e pescatori medievali che bevono la miscela di limone per rallegrare la loro giornata, non ci sono registrazioni storiche del liquore prima del 20° secolo. Solo nel 1988, infatti, viene registrato il marchio del limoncello, basato su una ricetta di un’osteria di famiglia a Capri risalente ai primi del ‘900.

Sapori e Profumi di Positano produce il proprio limoncello — Foto per gentile concessione di Beth Reiber

Con i limoni così abbondanti, è probabilmente sicuro dire che la produzione del limoncello è una tradizione di famiglia da almeno un secolo. La sua ricetta è molto semplice, composta solo da scorza di limone, alcool, acqua e zucchero, anche se le quantità di questi ingredienti differiscono.

L’elemento più importante è il limone stesso, che viene raccolto e sbucciato a mano. Ci sono anche diverse varietà di frutta da considerare. Lungo la Costiera Amalfitana, ad esempio, dove i limoni sono coltivati ​​da almeno 1000 anni, il limone ‘Sfusato Amalfitano’ prende il nome dalla sua forma slanciata ed è così dolce da poter essere mangiato come un’arancia. I limoni dell’Italia meridionale sono di un giallo brillante, come sfere di sole, con buccia spessa, porosa e quasi senza semi, sono ricchi di vitamina C e oli essenziali e hanno un odore fragrante paradisiaco.

READ  Il Belgio perde il trono, la Francia ancora sul podio

Naturalmente, i visitatori non affollano l’Italia meridionale solo per i limoni. C’è Capri, che sorge dal mare come una formidabile fortezza rocciosa (infatti qui trovò rifugio l’imperatore romano Tiberio), e Sorrento, paradiso dello shopping a cavallo su un altopiano in cima a una drammatica scarpata. . . La Costiera Amalfitana – o Costiera Amalfitana – è Patrimonio dell’Umanità dal 1997, amata per i suoi borghi risalenti al Medioevo e per i terreni incredibilmente aspri che vanno dalle aspre scogliere ai vigneti terrazzati, agli uliveti e agli agrumeti.

E in tutta la regione ci sono “fabbriche” a conduzione familiare che producono limoncello artigianale, ottenuto da limoni biologici coltivati ​​in loco e secondo ricette tramandate di generazione in generazione. Ristoranti, bar e negozi vendono limoncello locale, molti dei quali sono prodotti proprio lungo la strada, rendendo questa la principale regione di degustazione di limoncello nel mondo.

Profumi della Costiera nel comune di Ravello fa il limoncello in una fabbrica visibile dalla sua bottegaProfumi della Costiera nel comune di Ravello fa il limoncello in una fabbrica visibile dal suo negozio — Foto per gentile concessione di Beth Reiber

Dove trovare il limoncello in Italia

Molte fabbriche di limoncello vendono i loro prodotti in loco. A Sorrento, Je Giardini di Cataldo nasce nel 1999 come fabbrica di limoncello, ma si trova in un agrumeto amorevolmente curato dalla stessa famiglia fin dal 19° secolo.

A Ravello, ridente paesino di appena 2.500 anime situato a picco sul Mar Tirreno su una montagna di 1.200 piedi, Profumi della Costiera produce limoncello artigianale da 30 anni. Offre degustazioni gratuite, un video che mostra come viene prodotto il suo oro liquido e bottiglie di limoncello così decorative che vorrai conservarle come souvenir. Poiché Ravello è un po’ fuori dai sentieri battuti e troppo lontana per la maggior parte delle escursioni a terra dalle navi da crociera attraccate a Napoli, non è affollata come Capri, Sorrento e Positano.

Ma saresti negligente se manchi Positano. Abbracciando entrambi i lati di una profonda vallata che si apre su una spiaggia di ombrelloni e lettini, Positano è uno dei paesi più fotogenici della Costiera Amalfitana. Le sue case color pastello si appollaiano precariamente su ripide scogliere accanto a scioccanti esplosioni di bouganville color fucsia, accessibili da migliaia di scale. Fortunatamente, gli autobus turistici attraversano le vie dello shopping fino alle alture della città.

READ  Il colpo di forza dell'italiano Marco Frigo

Proprio nel centro del paese, sulla strada principale che porta alla spiaggia, si trova Sapori e Profumi di Positano, in attività dal 1986. Il suo negozio occupa il piano terra, mentre la sua fabbrica al piano inferiore utilizza i frutti dei suoi 300 prodotti non trattati. prodotti. alberi di limoni per produrre limoncello, marmellate e caramelle, comprese le caramelle al limone ripiene di succo di limone. L’essenza naturale della scorza di limone viene utilizzata anche per realizzare prodotti artigianali per il corpo e per la casa, tra cui profumi al profumo di limone, deodoranti per ambienti, saponi e candele e gel doccia. e lozioni per il corpo al limone e olio d’oliva.

Valentini Positano è un negozio di limoncello e una fabbrica di marito e moglie a PositanoValentini Positano è un negozio di limoncello e una fabbrica di marito e moglie a Positano — Foto attribuita a Beth Reiber

Valentini Positano ha aperto i battenti cinque anni fa, ma il proprietario Valentino Esposito dice di aver imparato a fare il limoncello da sua madre nel lontano 1969. E 22 anni fa era co-proprietario di una fabbrica di limoncello nella vicina città di Praiano. Insieme alla moglie vende non solo limoncello e marmellate fatte in casa, ma anche prodotti alimentari realizzati in collaborazione con produttori locali, tra cui marmellata di mandarini o fichi, cioccolato all’olio d’oliva, olive, olive con limoncello all’interno e marzapane senza glutine biscotti al limone. .

Ma ciò che contraddistingue Valentini Positano è l’opportunità di conoscere in prima persona come si fanno il limoncello e la marmellata di limoni. Le “visite” (su prenotazione) si svolgono su una terrazza all’aperto con vista mozzafiato su Positano o, in caso di maltempo, all’interno dello stabilimento.

Durante il tour di 30 minuti, Esposito sbuccia abilmente i limoni senza la buccia (per i principianti, ottenere la buccia senza buccia è la parte più difficile) e spiega come realizza i suoi prodotti. C’è anche una lezione di 90 minuti che permette ai partecipanti di cimentarsi nella preparazione del liquore dalle bucce e della marmellata dalla polpa. Nulla però va sprecato al Valentini Positano. Il midollo viene utilizzato per il compost, mentre le bucce vengono poi trasformate in accendi fuoco.

READ  Maria Sole Ferrieri Caputi prima arbitro donna in Serie A

“Tutti facevano il limoncello”, ha detto Esposito, ma ora meno persone lo fanno perché “puoi comprarlo facilmente”.

Valentino Esposito fornisce istruzioni pratiche per limoncello e marmellata su uno sfondo di PositanoValentino Esposito fornisce istruzioni pratiche per limoncello e marmellata sullo sfondo di Positano — Foto attribuita a Beth Reiber

Come fare il limoncello

Sebbene le ricette del limoncello varino, la maggior parte consiglia di sbucciare circa 10 limoni senza pesticidi, cercando di evitare il midollo dal sapore amaro (i limoni dalla buccia spessa sono più facili da sbucciare). Solo le cortecce vengono aggiunte a 1 litro di alcol per cereali di alta qualità. Sapori e Profumi di Positano consiglia Everclear per assorbire al meglio l’aroma e il colore giallo dei limoni.

Il composto viene poi coperto e lasciato riposare. Esposito ha detto che tre giorni sono stati sufficienti; Sapori e Profumi di Positano consiglia una settimana. Alcune ricette richiedono di lasciarlo riposare per un mese. In entrambi i casi, il liquido giallo viene quindi filtrato e le bucce scartate.

Poi arriva un semplice sciroppo. Si prepara unendo 1,5 litri di acqua con 3-6 tazze di zucchero e lasciando sobbollire per 15 minuti prima di lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente. Esposito, tuttavia, dice che è altrettanto buono usare l’acqua fredda e mescolarla finché lo zucchero non si sarà sciolto.

Lo sciroppo semplice e l’alcool di colore giallo vengono quindi combinati e voilà, hai il limoncello. Se tutto questo suona ambiguo, ricorda che il limoncello proviene da ricette di famiglia, proprio come la ricetta degli spaghetti di mamma. Sfortunatamente, una cosa che non puoi replicare è la qualità magica dei famosi limoni del sud Italia, ma Esposito dice che non dovrebbe davvero importare.

“La cosa importante, dice, è che la gente lo apprezzi. »

Nel sud Italia ci sono sicuramente molte opportunità per questo.

Non tutte le notizie sul sito esprimono le opinioni del sito, ma trasmettiamo questa notizia automaticamente e la traduciamo attraverso la tecnologia programmatica sul sito e non da un editore umano.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.