Scontri a Gerusalemme | Benjamin Netanyahu chiede “calma”

(Gerusalemme) Sabato sera nuovi scontri tra palestinesi e forze di sicurezza alla periferia della Città Vecchia di Gerusalemme, dopo un appello alla calma del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.




Nuvole Lavalle
France Media

Ma gli scontri sono stati meno intensi rispetto ai giorni precedenti, secondo un giornalista dell’Afp da subito.

La Mezzaluna Rossa palestinese ha detto che sei palestinesi sono rimasti feriti, cinque dei quali sono stati trattati immediatamente.

A Gerusalemme Est, il settore palestinese occupato che Israele ha annesso, centinaia di poliziotti si sono schierati alla periferia della Città Vecchia sabato sera presto per evitare ulteriori violenze dopo giorni di scontri a cui hanno partecipato ebrei e palestinesi dell’estrema destra e le forze dell’ordine, soprattutto per anni.

Foto di Musa Issa Qawasma, Reuters

Un corrispondente dell’Afp ha segnalato che si erano verificati alcuni lievi scontri alla Porta di Damasco, uno degli ingressi principali alla piazza della moschea nella Città Vecchia, dopo le preghiere dell’ultimo giorno, nel mese di Ramadan.

I palestinesi hanno lanciato bottiglie d’acqua ai poliziotti, che hanno risposto con granate assordanti.

Inoltre, i giovani palestinesi hanno bruciato contenitori della spazzatura nelle strade adiacenti alla Porta di Amoud.

La polizia ha riferito che circa 100 palestinesi hanno lanciato pietre e molotov all’incrocio di Qalandia tra Gerusalemme e la Cisgiordania occupata.

Vogliamo soprattutto garantire il rispetto della legge e dell’ordine pubblico […] “Ora chiediamo il rispetto della legge e chiedo a tutte le parti di calmarsi”, ha detto Netanyahu poche ore fa in una dichiarazione dopo una riunione di emergenza dei funzionari della sicurezza.

READ  Uccisione di Khasugi: Trudeau non è migliore di Biden

M. Nétanyahou aussi déclaré que l’armée israeliano était “prête à tous les scénarios” in la bande de Gaza, après le tir d’une trentaine de roquettes depuis l’enclave palestinienne sur le sud du noire israeluitlien dans Ci vediamo sabato .

In risposta, secondo l’esercito, carri armati, combattenti ed elicotteri militari hanno preso di mira i siti di Hamas.

Foto di Ibrahim Abu Mustafa (Reuters)

I manifestanti palestinesi bruciano bandiere israeliane durante una manifestazione.

L’ala militare di Hamas, il movimento islamico palestinese al potere a Gaza, ha sostenuto i palestinesi a Gerusalemme est e ha minacciato Israele.

Sabato sera altri tre razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza, uno dei quali è stato intercettato dallo scudo missilistico israeliano, uno è esploso in terra deserta e un altro è atterrato nella Striscia di Gaza, secondo l’esercito.

I commenti del primo ministro israeliano arrivano tra le crescenti tensioni dopo gli eventi di questi giorni tra ebrei e palestinesi a Gerusalemme est.

Gli scontri più feroci sono avvenuti giovedì sera, quando i palestinesi volevano opporsi a una marcia di sostenitori di un movimento ebraico di estrema destra che cantava “Morte agli arabi”. E le forze di occupazione, che sono state mobilitate per partecipare a questa marcia, hanno affrontato i palestinesi, di cui centoventi poliziotti israeliani sono rimasti feriti.

“Linea rossa”

“Garantiamo la libertà di culto come ogni anno, per tutti i residenti e tutti i visitatori di Gerusalemme”, ha sottolineato Netanyahu, riferendosi alle preghiere nel cortile della moschea, il terzo luogo santo dell’Islam, durante questo periodo. Il mese del digiuno musulmano del Ramadan.

Di fronte alle tensioni, il capo di stato maggiore Aviv Kochavi ha deciso di rinviare la sua prevista visita negli Stati Uniti.

READ  Trump tornerà presto sui social media con la sua 'piattaforma privata'

Gli scontri sono iniziati nei giorni scorsi a Gerusalemme dopo che la polizia ha impedito ai palestinesi di sedersi sulle scale che circondano la Porta delle Colonne, dove si incontrano la sera durante il mese di Ramadan.

E quando gli ebrei di estrema destra pianificarono di protestare nelle vicinanze, molti palestinesi lo videro come una provocazione.

Foto di Emmanuel Dunand, AFP

I membri delle forze di sicurezza israeliane vedono i palestinesi seduti sulle scale intorno alla Porta di Damasco.

Mahmoud Issa, 30 anni, ha dichiarato a France Press, sabato, che “il problema è che è il mese del Ramadan e che la polizia ha chiuso i punti di ingresso per raggiungere il Monte del Tempio (…) e che gli ebrei estremisti ci hanno provocato in negli ultimi giorni. ” .

Migliaia di manifestanti, la maggior parte dei quali israeliani, chiedendo la convivenza pacifica e il ritorno della calma, si sono riuniti nel centro di Gerusalemme sabato sera.

L’inviato speciale delle Nazioni Unite per il Medio Oriente, Tour Winnisland, ha chiesto “di evitare un’ulteriore escalation”. Le azioni provocatorie devono finire a Gerusalemme. Il lancio indiscriminato di razzi su aree popolate viola il diritto internazionale e deve cessare immediatamente “.

Gli Stati Uniti hanno espresso “profonda preoccupazione” e condannato l ‘”incitamento all’odio”.

Un paese vicino legato a Israele da un trattato di pace, la Giordania, che amministra i luoghi sacri islamici a Gerusalemme est, ha condannato gli “attacchi razzisti” israeliani, avvertendo che Gerusalemme è una “linea rossa”.

L’Iran, che è ostile allo Stato ebraico, ha condannato “gli attacchi dell’entità sionista e dei coloni”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *