Salvador | Il licenziamento dei giudici della Corte suprema solleva una crisi politica

(San Salvador) Una tempesta politica scuote El Salvador dopo che il Parlamento ha votato per destituire i giudici della Corte Suprema ostili al presidente Najib Boukil, una decisione che l’opposizione ha descritto come un colpo di stato e ha suscitato preoccupazioni internazionali.


Carlos Mario Marquez
France Media

Gli alleati del presidente, che avevano ottenuto la maggioranza assoluta dalle elezioni di febbraio, durante la loro inaugurazione sabato, hanno licenziato tutti i giudici della Camera costituzionale della Corte suprema per aver emesso sentenze “arbitrarie”.

I parlamentari hanno anche votato a favore del licenziamento del procuratore generale di El Salvador, Raul Millara, considerato vicino a un partito di opposizione.

Foto di Jose Cabezas, Reuters

Gli agenti di polizia sono apparsi nell’ufficio del procuratore generale quando il suo licenziamento è stato votato dai membri del Parlamento.

E il popolo di El Salvador ha detto attraverso i suoi rappresentanti: Rispettato! Il signor Buckili, al potere dal 2019, ha accolto con favore questo paese centroamericano poiché ha minato la classe politica tradizionale che era stata screditata da questioni di corruzione.

Il presidente trentanovenne, noto per il suo desiderio di combattere la criminalità organizzata e l’insicurezza, si è opposto più volte alla Corte suprema e alla Procura generale.

I giudici dimessi, subito nominati dai rappresentanti di maggioranza che li avrebbero sostituiti, si sono rifiutati di lasciare l’incarico, adducendo “l’incostituzionalità del decreto di dimissione”.

La minoranza in Parlamento, il partito di destra Arena e il partito di guerriglia di estrema sinistra del Fronte di liberazione nazionale Farabundo Martí (FMLN) hanno condannato il tentativo di colpo di stato.

READ  La Francia richiama i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia

René Porteau, eletto dall’Arena al Parlamento, ha risposto: “Quello che è successo ieri sera in Assemblea legislativa con una maggioranza che il popolo ha dato per sé attraverso il voto è un colpo di stato”. “Come gruppo parlamentare, non saremo complici di questo colpo di stato”, ha aggiunto Annabelle Peloso, una collega dell’FMLN.

Avvertimento americano

Gli Stati Uniti hanno criticato la misura e hanno avvertito che potrebbe minare le relazioni di El Salvador con gli Stati Uniti.

Domenica il Segretario di Stato Anthony Blinken ha parlato al telefono con Neb Buckley, esprimendo la “grave preoccupazione” di Washington e “indicando che l’indipendenza della magistratura è essenziale per il governo democratico”.

Ritratto di Salvador Melendez, Archival Press

Presidente Neb Bockel

Ha anche criticato il licenziamento di Raul Millara, “che combatte la corruzione e l’impunità ed è un partner efficace nella lotta alla criminalità negli Stati Uniti e in El Salvador”.

“Condanno le azioni intraprese dall’autorità politica per smantellare e indebolire l’indipendenza giudiziaria dei giudici rimuovendo i membri della Camera costituzionale”, ha scritto su Twitter Diego Garcia Sayan, Relatore speciale delle Nazioni Unite sull’indipendenza di giudici e avvocati.

Anche l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) ha denunciato questa misura, affermando che “il pieno rispetto dello stato di diritto è essenziale”. “Le misure che hanno portato alla sua erosione e all’annessione della magistratura porteranno solo a una società ingiusta basata sull’impunità e sulla persecuzione politica”, ha affermato in una nota.

Anche diverse ONG hanno lanciato l’allarme.

Questa è una situazione molto rischiosa. “Stiamo giocando con il fuoco e questo può conferire a questa crisi una portata dalla quale non saremo in grado di uscirne”, ha affermato Miguel Montenegro, Coordinatore della Commissione per i diritti umani.

READ  L'ex inviato degli Stati Uniti considera inaffidabile il primo ministro haitiano

Secondo il direttore esecutivo di Human Rights Watch, José Miguel Vivanco, “Buckili viola lo stato di diritto e sta cercando di concentrare tutti i poteri nelle sue mani”.

Il signor Buckley è stato eletto nel 2019 per un mandato di cinque anni e dalle elezioni parlamentari di febbraio ha controllato 61 degli 84 seggi del Congresso unicamerale, una situazione senza precedenti dagli accordi di pace del 1992 che hanno posto fine a 12 anni di guerra civile.

Le tendenze autoritarie del presidente Buckily – che un anno fa è arrivato al punto di prendere d’assalto il Parlamento, accompagnato da agenti di polizia e soldati armati, per fare pressione sui deputati – hanno suscitato forti critiche da parte dei suoi oppositori.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *