Russia | Biden punisce Mosca ed espelle dieci diplomatici russi

(Washington) Dopo il prolungato contrattacco: il governo degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato, giovedì, una serie di dure sanzioni finanziarie contro la Russia e l’espulsione di dieci diplomatici russi, che potrebbero complicare la proposta del suo vertice con Vladimir Putin.




Francesco Fontimage con Maxim Popov a Mosca
France Media

Da quando è arrivato alla Casa Bianca, il nuovo presidente degli Stati Uniti ha indicato di aver sviluppato la sua risposta a una serie di azioni imputate a Mosca, tra cui un massiccio attacco informatico e interferenze nelle elezioni statunitensi di novembre.

È arrivato al punto di classificare Vladimir Putin come un “assassino” e ha promesso a Joe Biden di essere più assertivo del suo predecessore, Donald Trump, accusato da tutti i lati di compiacimento nei confronti del maestro del Cremlino.

Le rappresaglie si sono placate giovedì.

46e Il presidente della storia americana, che dovrebbe intervenire sulla questione alle 16.30, ha firmato un decreto seguito da sanzioni immediate, che consentirebbe anche alla Russia di essere nuovamente punita “se continua o incoraggia l’escalation delle sue azioni per destabilizzare la stabilità internazionale, “La Casa Bianca ha avvertito in un comunicato.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha vietato alle banche statunitensi di acquistare direttamente il debito emesso dalla Russia dopo il 14 giugno.

Ha inoltre imposto sanzioni a sei società tecnologiche russe accusate di sostenere attività di pirateria dell’intelligence a Mosca.

È una risposta al massiccio attacco informatico del 2020, ora formalmente accusato della Russia, che ha utilizzato SolarWinds, un editore di software americano il cui prodotto era stato compromesso per introdurre una falla di sicurezza tra i suoi utenti, comprese diverse agenzie federali statunitensi.

E i servizi segreti stranieri russi, in cui Washington era direttamente coinvolta, hanno risposto: “Leggere queste delusioni è di poca importanza”.

“Supporto” occidentale

E un alto funzionario americano ha avvertito che parte delle operazioni di ritorsione rimarranno “segrete”, riferendosi alla possibilità di un contrattacco tramite computer.

Inoltre, il Tesoro sta imponendo sanzioni a 32 entità e individui accusati di aver tentato, per conto del governo russo, di “influenzare le elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti”, secondo la Casa Bianca.

READ  Una nuova generazione al centro del potere a Cuba

Il governo degli Stati Uniti impone anche sanzioni a otto persone ed entità legate all ‘”occupazione” della Crimea, “in collaborazione” con Unione Europea, Regno Unito, Australia e Canada.

La NATO, l’Unione Europea e Londra hanno offerto il loro sostegno alle sanzioni statunitensi, ma senza annunciare immediatamente nuove misure.

Da parte sua, il Dipartimento di Stato americano ha espulso dieci diplomatici russi a Washington, alcuni dei quali sono stati accusati di essere membri dei servizi di intelligence di Mosca.

Tutte queste sanzioni mirano anche a ritenere “responsabili” le autorità russe dopo le accuse che la Russia ha concesso ai talebani di attaccare i soldati americani in Afghanistan. Ma un alto funzionario statunitense ha chiarito che la CIA poteva confermare la validità di queste accuse solo con un grado di fiducia “medio-basso”.

Queste sanzioni si aggiungono a una prima serie di misure punitive annunciate lo scorso marzo in risposta all’avvelenamento dell’avversario Alexei Navalny.

La risposta russa è “inevitabile”

È stato uno degli attacchi più difficili contro la Russia da quando molti diplomatici sono stati espulsi alla fine del mandato di Barack Obama.

E la risposta è stata non molto tempo fa.

“Un comportamento così aggressivo sarà fortemente respinto”. La portavoce del diplomatico russo Maria Zakharova ha avvertito: “La risposta alle sanzioni sarà inevitabile”. “Gli Stati Uniti non sono pronti ad accettare la realtà oggettiva di un mondo multipolare che esclude l’egemonia americana e fa affidamento su sanziona le pressioni e le interferenze nei nostri affari interni “.

Mosca ha anche detto di aver convocato l’ambasciatore Usa, John Sullivan, per una “conversazione difficile”, ma quest’ultimo ha confermato di essere stato ricevuto su sua richiesta, durante un incontro “professionale e rispettoso”.

La Russia ha anche avvertito che queste sanzioni “non favoriranno” lo svolgimento del vertice Biden-Putin, quando i rapporti sono ai livelli più bassi tra i due rivali geopolitici.

L’offerta del primo incontro in un “paese terzo” è stata fatta dal nuovo presidente democratico durante una conversazione telefonica questa settimana con la sua controparte russa, segnata anche da un avvertimento dopo il massiccio dispiegamento di forze russe negli Stati Uniti, il Confine ucraino.

“Crediamo che nei prossimi mesi sarà necessario che i due leader si incontrino” per trovare una via stabile ed efficace per fermare qualsiasi escalation prima che si intensifichi, ha confermato giovedì l’alto funzionario Usa.

READ  Democrats "have fallen into their mob mentality", trying "to blame Trump for everything"

La classe politica statunitense ha generalmente accolto con favore le sanzioni.

Il senatore democratico Bob Menendez ha elogiato questo “approccio assertivo” che “volta pagina quattro anni durante i quali Donald Trump è caduto nelle mani di Putin”.

La misura del debito più drammatica annunciata giovedì dovrebbe essere di basso impatto, poiché la Russia ha solo un debito limitato e riserve superiori a $ 180 miliardi, sostenute dalle sue esportazioni di idrocarburi. Tuttavia, potrebbe essere doloroso per il rublo caduto giovedì.

“È una tempesta in un bicchiere d’acqua. Da più di dieci anni, la politica delle autorità monetarie russe mira a mantenere il deficit di bilancio a un livello basso, sottolineando che Mosca è pronta per questo” per un “lungo periodo”, economista Sergei Khostanov ha detto all’AFP.

Quello che sappiamo sull’hacking di SolarWinds dietro le sanzioni statunitensi contro Mosca

Alla fine del 2020 è stato denunciato un attacco informatico su larga scala contro organizzazioni e società del governo statunitense, spingendo l’amministrazione Biden, che accusa la Russia di responsabilità, ad annunciare giovedì sanzioni finanziarie contro Mosca e l’espulsione di dieci diplomatici russi.

Tornando a questo sofisticato attacco e alle sue conseguenze per la sicurezza informatica degli Stati Uniti, quattro mesi dopo la rivelazione dei fatti.

Cosa sono i SolarWinds?

Fondata alla fine degli anni ’90, SolarWinds con sede in Texas è quotata a Wall Street ed è un editore di software di gestione del computer e strumenti di monitoraggio remoto per professionisti.

L’azienda, i cui prodotti sono utilizzati in particolare da agenzie federali e società statunitensi, ha più di 300.000 clienti in tutto il mondo.

La piattaforma Orion, che riscuote un grande successo commerciale e viene utilizzata per gestire e monitorare le reti di computer, è al centro dell’attacco svelato lo scorso dicembre.

quello che è successo ?

Gli hacker sono riusciti a far sì che SolarWinds pubblicasse aggiornamenti duri a Orion che penetrano nelle reti delle vittime, lasciando filtrare i dati come e-mail.

La catena di approvvigionamento di SolarWinds è stata presa di mira con un portellone posteriore, una funzione nascosta grazie alla quale gli hacker possono installare con successo malware e completare le loro operazioni di spionaggio.

READ  Attivo in Canada | Facebook rivela un'operazione di spionaggio cinese contro gli uiguri

L’attacco è iniziato nel marzo 2020 ed è durato diversi mesi prima di essere scoperto a dicembre dal gruppo di sicurezza informatica FireEye, che è stato a sua volta vittima degli attacchi informatici.

Chi sono gli autori?

Washington accusa la Russia di aver ideato questo attacco informatico, citando esplicitamente il Russian Foreign Intelligence Service (SVR).

“La portata e la portata di questa intrusione, insieme al record russo di attacchi informatici pericolosi e dirompenti, ne fanno un problema di sicurezza nazionale”, ha affermato giovedì il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

“SVR ha messo a rischio la catena di approvvigionamento della tecnologia a livello globale consentendo l’installazione di malware sui dispositivi di decine di migliaia di clienti SolarWinds”, ha aggiunto il ministero.

In un’audizione organizzata dalla Commissione dei servizi segreti del Senato degli Stati Uniti a febbraio, il presidente di Microsoft Brad Smith ha affermato che almeno 1.000 ingegneri erano coinvolti nel processo, che ha descritto come “l’attacco più complesso che abbiamo mai visto. L’abbiamo visto finora. ”

Prima che gli esperti e l’amministrazione Biden stabilissero chiaramente che la Russia era responsabile dell’attacco, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incolpato la Cina senza fornire prove concrete.

Da parte sua, Mosca nega ogni coinvolgimento.

Quali sono le conseguenze?

La portata esatta dell’hacking rimane sconosciuta fino ad oggi a causa della sua complessità e della segretezza richiesta da alcune organizzazioni target.

Il Tesoro afferma che l’attacco ha preso di mira “il settore finanziario, le infrastrutture critiche, le reti governative e molte” altre vittime.

Da parte sua, SolarWinds ha affermato che sono stati colpiti ben 18.000 clienti e più di 100 aziende statunitensi. I clienti dell’azienda includono molte agenzie governative e società che sono tra le prime 500 società statunitensi per fatturato.

Cybersecurity e cybersecurity sono emerse come problemi critici per l’amministrazione Biden mentre un altro massiccio attacco ha scosso Microsoft il mese scorso.

Un gruppo di hacker sostenuti dalla Cina ha sfruttato le vulnerabilità nel servizio di posta elettronica aziendale di Exchange Server per infiltrarsi in decine di migliaia di organizzazioni statunitensi, comprese aziende, città e comunità.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *