Referendum La Svizzera vieta di coprire i volti nei luoghi pubblici

(Ginevra) La Svizzera ha votato domenica a maggioranza esigua a favore del divieto di coprire il viso, un segno contro l’Islam radicale, secondo i suoi sostenitori, un’iniziativa anti-xenofoba e la discriminazione sessuale degli altri.


France Media

Il testo, proposto dal partito populista di destra Udc, ha ricevuto il 51,21% dei voti e la maggioranza dei cantoni, secondo i risultati ufficiali pubblicati dal governo federale.

Era sostenuto dalle femministe e da parte dell’elettorato laico di sinistra.

“siamo felici. Non vogliamo che ci sia un Islam radicale nel nostro Paese ”, ha lanciato su Blick.tv il presidente SVP svizzero Marco Chiesa.

Il testo non fa riferimento al burqa – un grande pezzo di stoffa che copre dalla testa ai piedi e ha una fessura a rete all’altezza degli occhi – o al niqab che copre tutto il corpo e il viso tranne gli occhi, ma i poster della campagna non hanno lasciato dubbi sullo scopo del referendum.

Votando contro l’uso del velo integrale nella sfera pubblica, la Svizzera si unisce a Francia, Austria, Bulgaria, Belgio e Danimarca, dopo anni di dispute.

Foto di Denise Palebouse, Reuters

Un uomo inizia a contare i voti in un seggio elettorale a Losanna.

Pertanto, ora è vietato coprire l’intero volto nei luoghi pubblici – il che vale anche per i manifestanti mascherati – ma sono previste eccezioni per i luoghi di culto, ad esempio.

Gli svizzeri hanno anche votato a favore di un accordo commerciale con l’Indonesia (51,65%), ma in gran parte hanno respinto l’introduzione di un’identità elettronica federale gestita privatamente (64,36% contro no).

Turisti

Myriam Mastour, membro di Les Foulards Violets e dello sciopero femminista sul canale pubblico RTS, ha detto che “sì” rischia di “minimizzare l’atmosfera xenofoba e razzista” contro le donne musulmane. Da un lato, è soddisfatta del piccolo divario tra sì e no, mentre i primi sondaggi hanno dato un grande favore all’iniziativa del primo vicepresidente.

READ  Scozia: la maggioranza degli elettori vuole un referendum sull'indipendenza

Secondo gli oppositori, indossare il velo integrale non è un problema in Svizzera, poiché si stima che solo poche dozzine di donne indossino questo metodo e generalmente si convertano all’Islam. Soprattutto, vediamo ricchi turisti vestiti in questo modo frequentare le eleganti boutique di Ginevra o Zurigo.

Mohamed Hamdaoui, membro dell’Alto Consiglio di Berna e fondatore della campagna Face-to-Face presso ATS, ha detto che il risultato è stato “un grande sollievo”. “Questo voto indica l’esistenza della consapevolezza”, ha detto questo membro del Partito socialista, che afferma di essere un musulmano laico. Ha sottolineato che era “un’opportunità per dire una pausa all’islamismo” e non “ai musulmani che hanno chiaramente il loro posto in questo paese”.

Vietare il velo integrale non è una misura intesa a liberare le donne. Al contrario, è una politica simbolica pericolosa che viola la libertà di espressione e di religione ”, accusa Cyril Huguenot, responsabile dei diritti delle donne di Amnesty International Svizzera, in un comunicato stampa.

Secondo i dati diffusi dal Census Bureau per il 2019, circa il 5,5% della popolazione svizzera è musulmana, la maggior parte proviene dall’ex Jugoslavia, quindi questa tradizione di indossare è assente.

Il governo federale e il parlamento si sono opposti a questa misura.

Già nel 2009 gli svizzeri avevano votato per vietare la costruzione di minareti nelle moschee, suscitando indignazione nei paesi musulmani e l’approvazione dei partiti nazionalisti europei.

Questa iniziativa è apprezzata dalla stragrande maggioranza dei cantoni. Solo quattro cantoni hanno detto di no: Ginevra, Grigioni, Basilea Città e Appenzello Esterno.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *