razzismo oltraggioso | Rivista Quebec

C’è ancora chi sostiene che i riferimenti al razzismo e alla discriminazione siano esagerati quando si guarda alla società americana. Basta tirare in ballo l’argomento, anche a distanza, per qualificarsi subito alzarsiantiamericano o scavatore di merda.

Tuttavia, per decenni, due questioni sono rimaste una caratteristica regolare della mia copertura giornalistica quotidiana negli Stati Uniti: armi e razza. Se a volte ci sono dei punti luminosi, o la condanna dell’ufficiale di polizia che ha ucciso George Floyd o la cifra che il produttore di armi Remington pagherà ai parenti delle vittime del massacro di Sandy Hook (un precedente storico), mi sembra sempre che il progresso è particolarmente lento o le cose sono stagnanti.

Il razzismo è stato più evidente mercoledì durante il secondo processo dei tre omicidi del giovane Ahmoud Arbery. Ho già prenotato 2 biglietti per questa storia oscura, A maggio 2020 e Nell’ottobre 2021. Dopo essere quasi sfuggiti alla giustizia, i tre uomini furono infine condannati.

Perché una seconda prova? Perché questa volta sono accusati di un crimine d’odio, che è una questione federale. La giuria, composta da otto bianchi, tre neri e un giurato ispanico, deve determinare se il pregiudizio razziale fosse il motivo dietro le azioni degli imputati. Sono stati condannati per omicidio, ma questa volta i riflettori saranno puntati sulle loro motivazioni.

Il processo è iniziato lunedì ed è ancora troppo presto perché il procedimento stabilisca le direzioni, ma se ciò che ci è stato detto mercoledì è un’indicazione del pensiero e dei pregiudizi dei tre uomini, le deliberazioni potrebbero essere brevi.

il Washington Post Condividi il contenuto dei messaggi che i tre uomini stavano postando sui social network. Nasce da un duro razzismo. Primo, sarebbe inaccettabile per sua figlia uscire con un uomo di colore. Si riferisce a questo uomo di colore usando la parola che inizia con Non.

D’altra parte, una confessione che lui ei suoi compagni hanno trascorso le loro giornate a commettere crimini di odio. Un’altra “confessione” è che ama il suo lavoro perché può farlo senza uscire con un solo uomo di colore.

READ  Corea del Sud: scusa l'ex presidente Park Geun-hye

Oltre ai messaggi sui social network, i pubblici ministeri hanno anche condiviso il contenuto di conversazioni telefoniche che fanno sapere che uno degli accusati non avrebbe problemi a uccidere tutti i neri. Ci sono anche una serie di dolorosi confronti tra coloristi e scimmie.

Non hai un incubo e non viaggi nel tempo. Queste dichiarazioni incriminanti in qualsiasi momento erano già state menzionate in un processo svoltosi nel 2022.

Anche se sembra chiaro che i tre assassini di Arbery siano razzisti, la parte più difficile deve ancora venire per i pubblici ministeri in questo processo. Essere razzisti per i tre uomini è una cosa, ma dimostrare che è stato questo razzismo a portarli ad inseguire Arbery e poi ucciderla è un’altra storia.

La storia di Ahmed Arbery, come quella di George Floyd o di molti altri prima di lui, è molto triste e ci mostra un volto, il volto dell’odio razziale, che preferiremmo non vedere. C’è almeno un altro capitolo da scrivere in questa storia. Quale sarà il contenuto? Lo scopriremo nelle prossime settimane.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.