Raid aerei su Gaza | Israele risponde ai palloni incendiari

(Gerusalemme) Domenica, Israele ha lanciato attacchi aerei sulla Striscia di Gaza dopo che palloni incendiari sono stati lanciati nel suo territorio dall’enclave palestinese, provocando incendi boschivi.


Gli attacchi, che non hanno provocato vittime, hanno preso di mira un’area disabitata a nord dell’enclave e un sito di addestramento per il movimento di Hamas, che governa la Striscia di Gaza, a Khan Yunis, secondo fonti della sicurezza palestinese.

In precedenza, Israele aveva annunciato che avrebbe dimezzato la zona di pesca autorizzata al largo della Striscia di Gaza.

“Si è deciso di ridurre l’area di pesca autorizzata nella Striscia di Gaza da 12 miglia nautiche a 6 miglia nautiche”, ha affermato il ramo militare dell’Ufficio per il coordinamento delle attività del governo di Israele nei Territori palestinesi (COGAT). .

La decisione è arrivata a causa del lancio di palloni incendiari dalla Striscia di Gaza verso Israele, in violazione della sovranità israeliana.

Le Cogat, in un comunicato

Il a prévenu que le « Hamas, responsable des activités dans la bande de Gaza et de toutes les action menées depuis la bande de Gaza vers l’État d’Israël, devait subir les conséquences des violentes commises contro les’ citoyatens de l’État ‘entità sionista’.

Domenica scorsa, gli incendi boschivi sono stati spenti “in tre punti in una piccola area nella regione di Eshkol”, secondo una dichiarazione dei vigili del fuoco israeliani, aggiungendo che “un esperto ha concluso che gli incendi sono stati causati da palloni incendiari”.

Questi palloni prendono di mira i terreni agricoli intorno all’enclave palestinese impoverita, dove circa due milioni di persone vivono sotto l’assedio israeliano da 15 anni.

READ  Server Microsoft hackerati | Denuncia congiunta del fronte occidentale della Cina

fragile tregua

L’area di pesca e importazione viene utilizzata da Israele per punire o ricompensare la Striscia di Gaza per la situazione di sicurezza.

Così Israele ha annunciato il 12 luglio l’ampliamento della zona di pesca e l’ampliamento delle importazioni autorizzate nella Striscia di Gaza, dopo il “recente” ritorno della “calma”.

La zona di pesca autorizzata prima dell’inizio del conflitto a maggio era di 15 miglia nautiche, ma è stata ridotta da Israele durante le ostilità.

Incidenti sporadici – lanci di palloni incendiari da Gaza e attacchi aerei di rappresaglia israeliani – si sono verificati dall’inizio del fragile cessate il fuoco che ha posto fine alla guerra lampo di 11 giorni dal 10 al 21 maggio.

Di recente, Israele ha risposto allo scarico di questi palloni con attacchi aerei notturni contro siti sospetti di Hamas.

L’ultima volta che questi palloni lanciati dall’enclave palestinese hanno causato un incendio in Israele è stato il 2 luglio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *