Rabbia negli stati post-sovietici la cui sovranità un diplomatico cinese nega

Rabbia negli stati post-sovietici la cui sovranità un diplomatico cinese nega

Un “pappagallo” da “propaganda russa”: le controverse dichiarazioni dell’ambasciatore cinese in Francia, che ha messo in discussione la provincia ucraina della Crimea, che Mosca ha annesso dal 2014, alla sovranità delle ex repubbliche sovietiche, hanno fatto infuriare i Paesi interessati.

“È strano sentire una versione assurda di ‘Storia della Crimea’ da un rappresentante di un paese meticoloso sulla sua storia millenaria”, ha scritto su Twitter Mykhailo Podolyak, consigliere della presidenza ucraina.

Ha continuato: “Tutti i paesi dell’ex Unione Sovietica godono di un chiaro status sovrano stabilito dal diritto internazionale”. »

Interpellato venerdì sera sul canale francese LCI, l’ambasciatore cinese in Francia, Lu Chaye, ha fatto riferimento alla Crimea, che Mosca occupa dal 2014: “Dipende da come percepiamo questo problema. C’è una storia. La Crimea era all’inizio per la Russia Krusciov fu Fu lui a dare la Crimea all’Ucraina durante l’era sovietica. »

Ha continuato la sua argomentazione, ritenendo che gli stati dell’ex Unione Sovietica “non abbiano un posto effettivo nel diritto internazionale, perché non esiste un accordo internazionale per incarnare il loro status di stati sovrani”.

“lotta al lupo”

Lu Chai, che fa parte dei “combattenti del lupo”, questo nuovo clan di diplomatici cinesi senza parole di fronte a un Occidente visto come sistematicamente ostile a Pechino, ha anche invitato a smettere di “litigare” sulla questione del dopoguerra frontiere.

Ha aggiunto che “la questione più urgente ora è fermarsi per ottenere un cessate il fuoco” tra Russia e Ucraina.

Commenti che riguardano non solo questi due Paesi, ma tutte le repubbliche nate dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991, ovvero 14″ Stati membri dell’Onu, che questo funzionario cinese ha letteralmente cancellato dalla carta geografica in una sorprendente affermazione commentata da Thomas Friang, fondatore dell’Institute for Diplomacy open, a Think tank Francese per Giornale della domenica.

READ  Putin dice che il contrattacco ucraino è fallito

Gli stati baltici, ora membri dell’Unione Europea e della Nato, non nascondono la loro rabbia. Il ministro degli Esteri lettone Edgar Renkovic ha denunciato le osservazioni come “totalmente inaccettabili”.

La sua controparte estone, Margos Tsakna, lo ha definito “falso”, derivante da una “errata interpretazione della storia”. Ha continuato: “Secondo il diritto internazionale, gli Stati baltici sono sovrani dal 1918, ma sono stati occupati per 50 anni” dall’Unione Sovietica.

“L’UE può solo presumere che queste dichiarazioni non rappresentino la posizione ufficiale della Cina”, ha criticato il suo capo della diplomazia, Josep Borrell, le osservazioni “inaccettabili”.

La Francia ha dichiarato di averla “letta con allarme”.

L’Ucraina è stata riconosciuta a livello internazionale “all’interno dei confini, inclusa la Crimea nel 1991, dall’intera comunità internazionale, compresa la Cina”, ha insistito Paris, osservando che l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 “è illegale rispetto al diritto internazionale”.

imbarazzo

Le osservazioni del “lupo” di Shay mettono in imbarazzo la diplomazia francese, appena due settimane dopo che Emmanuel Macron ha visitato il suo omologo cinese, Xi Jinping, per esortarlo a “riportare la Russia alla ragione” nell’affrontare l’Ucraina e esortandola a non consegnare armi a Mosca.

Se Pechino si dice ufficialmente neutrale, Xi Jinping non ha mai condannato l’invasione russa e nemmeno parlato al telefono, fino ad ora, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Di contro, di recente si è recato a Mosca per ribadire il sodalizio con il presidente russo, Vladimir Putin, sotto le spoglie di un fronte antioccidentale.

Il signor Macron e il signor Xi hanno quindi rilasciato una dichiarazione congiunta impegnandosi a “sostenere qualsiasi sforzo per riportare la pace in Ucraina”.

READ  La musa russa contro la guerra rifiuta l'offerta di asilo di Macron

Soprattutto, il presidente francese ha provocato un’ondata di malintesi dichiarando che l’Europa non dovrebbe schierarsi automaticamente con gli Stati Uniti o con Pechino in caso di conflitto su Taiwan, quando Washington è il principale appoggio militare di Kiev. , molto più avanti dell’Unione europea.

Tra i detrattori di Emmanuel Macron, il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis, confuso, ha diviso un nuovo messaggio su Twitter.

E ha osservato: “Se qualcuno si sta ancora chiedendo perché gli Stati baltici non si fidano della Cina per ‘mediare la pace in Ucraina’, è l’ambasciatore cinese che afferma che la Crimea è russa e che i confini dei nostri paesi non hanno basi legali”.

Vediamo nel video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *