Questi repubblicani sono contro Trump | Rivista Quebec

Durante il suo discorso della scorsa settimana davanti all’Independence Hall, Joe Biden ha fatto riferimento a quei repubblicani “Not Maga”, che sono stanchi di questo pericoloso circo dei 45e Il presidente ha formato la sua formazione politica.

A volte è molto difficile calcolarli e identificarli. Hanno spesso lasciato il Partito Repubblicano troppo diffidente o timoroso della vergogna di funzionari eletti più esaltati che non eludono mai trucchi o minacce sporche.

È difficile opporsi a Trump

Mentre alcuni si nascondono per paura, altri lo fanno per convenienza politica. Sebbene i Democratici abbiano controllato la presidenza e entrambe le Camere dalle elezioni del 2020, i repubblicani dovrebbero riconquistare la Camera nel 2022.

Aggiungiamo che se il quadro è desolante a Washington dopo le ultime elezioni presidenziali, il predominio dei repubblicani negli States è impressionante. Sono la maggioranza in 30 stati su 50, ed è qui che si determinano le regole del gioco elettorale.

Quindi, ci vuole una buona dose di coraggio, visione a lungo termine e principi intransigenti per osare argomentare controcorrente in opposizione a Trump e ai suoi valutatori. La libertà dal padrino passa quindi attraverso un brutale conflitto interno e la possibilità di una sconfitta elettorale.

Nonostante quello che ho appena scritto, non sono stati solo Liz Cheney o Adam Kinzinger a denunciare la deviazione del loro partito e l’influenza di Trump. Si stima che dal 3% al 5% degli elettori repubblicani preferirebbe non venire il giorno delle elezioni o, peggio ancora, votare contro l’ex presidente.

Resistenza

Questo ti suona un po’? Questo è sufficiente per far deragliare il treno. Ieri, Greg Sargent di Washington Post Ha anche messo in luce il Republican Accountability Project, un gruppo di conservatori che lavorano per smascherare i fanatici Trumpists.

READ  Le ragazze tornano al college e a scuola in una provincia afgana

Il Comitato di azione politica (PAC) sostiene i loro sforzi finanziando operazioni per sconfiggere i candidati più pericolosi. È una propaganda multimilionaria usata per screditare dozzine di sostenitori della “Big Lie”.

Tra coloro che desiderano disperatamente la partenza di Trump ci sono quelli che incoraggiano gli elettori repubblicani frustrati ad allearsi, anche se solo temporaneamente, con i democratici. Non per niente Joe Biden li ha salvati la scorsa settimana.

Ma se la resistenza è organizzata all’interno del Partito Repubblicano, temo che i loro sforzi arriveranno troppo tardi e saranno destinati al fallimento, almeno nel prossimo futuro. Possiamo schiacciare Trump, ma sbarazzarsi di Trump è una sfida enorme.

Ho più volte sottolineato che il dono di Trump era quello di trasmettere questo misto di rabbia e disinformazione, ma questa tendenza si è già fatta strada nell’arena politica. Molti populisti sono sconvolti dietro le quinte, sognando la partenza di Trump per surfare sull’esasperazione delle élite, comprese quelle del Partito Repubblicano.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.