Quattro gigantesche locomotive Maersk danesi sequestrate in Russia

Quattro gigantesche locomotive Maersk danesi sequestrate in Russia

Il colosso marittimo danese ha dichiarato mercoledì che le autorità russe hanno sequestrato quattro locomotive Maersk, dopo aver annunciato il suo completo ritiro dalla Russia poco dopo l’invasione dell’Ucraina.

“Il 25 aprile, abbiamo appreso che un tribunale locale aveva ordinato che le locomotive non potessero lasciare la Russia e che aveva anche trasferito la custodia delle locomotive a terzi”, ha detto Maersk in una dichiarazione fornita alla stampa.

Queste quattro barche, di proprietà di Svitzer, una filiale dell’ammiraglia danese, stanno operando sotto contratto attorno a Sakhalin-2, un progetto di petrolio e gas al largo dell’isola nell’estremo oriente russo.

Gli sforzi per vendere questa attività a metà aprile hanno avuto successo, ma le autorità portuali si sono opposte a questo ritiro chiamando le squadre a continuare a far funzionare le locomotive prima di confiscarle, secondo Maersk.

“Da allora, tutti i dipendenti di Svetser in Russia si sono dimessi e Svitser non gestisce più le quattro locomotive”, ha detto Maersk, descrivendo la situazione come “insostenibile”.

A giugno, il Cremlino ha trasferito il controllo del progetto petrolifero e del gas, di cui il Giappone detiene quote, a una società russa.

READ  Gioia mista per il ricongiungimento dell'israeliano con la sua famiglia, ex ostaggi di Hamas

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *