Putin considera i talebani “alleati nella guerra al terrorismo”

Putin considera i talebani “alleati nella guerra al terrorismo”

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato giovedì di considerare il movimento talebano afghano “alleato nella guerra contro il terrorismo”, mentre la Russia è stata oggetto di numerosi attacchi negli ultimi mesi.

• Leggi anche: Putin prende sul serio il “desiderio” di Trump di porre fine al conflitto in Ucraina

• Leggi anche: In Kazakistan Putin e Xi sostengono un “mondo multipolare”

“I Talebani sono sicuramente i nostri alleati nella guerra contro il terrorismo perché ogni potenza esistente è interessata alla stabilità del suo potere e della stabilità dello Stato che guida”, ha detto Putin in una conferenza stampa ad Astana, in Kazakistan.

A maggio, Mosca ha annunciato l’intenzione di rimuovere i talebani dalla lista delle “organizzazioni terroristiche”, più di tre anni e mezzo dopo il suo ritorno al potere in Afghanistan, mentre la Russia è preoccupata per la possibilità che l’infezione jihadista si diffonda nell’Asia centrale. , che considera il suo cortile.

Il movimento talebano, che ha legami storici con l’organizzazione jihadista Al-Qaeda, figura in questa lista in Russia dal 2003, il che non impedisce a Mosca di allacciare rapporti con esso per diversi anni, ricevendo in particolare i suoi inviati sul suo territorio in più occasioni. occasioni.

Mosca ha assunto una posizione conciliante sin dal suo ritorno al potere nell’agosto 2021, a causa delle sue promesse di non consentire alle organizzazioni più estremiste di stabilirsi lì.

Putin ha sottolineato giovedì che i talebani “controllano il potere” e “hanno assunto determinati impegni”. “Sono sicuro che anche i talebani hanno interesse che in Afghanistan tutto sia stabile, calmo e soggetto a determinate regole”, ha aggiunto, mentre i talebani applicano un’interpretazione molto rigida dell’Islam e raddoppiano le misure repressive contro le donne, una politica descritta come “estremista”. “Apartheid di genere” da parte delle Nazioni Unite.

READ  Gli haitiani sono tornati alla frontiera | Le immagini non "riflettono" gli Stati Uniti

Negli ultimi mesi, la Russia è stata colpita da numerosi attacchi mortali, tra cui l’attacco alla sala concerti Crocus City Hall vicino a Mosca che ha provocato la morte di 145 persone a marzo e di cui ha rivendicato la responsabilità il ramo afghano del gruppo terroristico ISIS affiliato ai talebani.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *