Protesta giapponese contro gli attacchi cinesi alle navi vicino alle isole contese

Tokyo | Tokyo ha detto lunedì di aver protestato a Pechino per due incursioni nelle acque territoriali giapponesi, dopo che la Cina ha promulgato una legislazione che ha rafforzato quella che descrive come la sua risposta alle violazioni dei suoi territori marittimi.

Il Giappone e la Cina sono in competizione per la proprietà di isole disabitate nel Mar Cinese Orientale, che Tokyo chiama Senkaku e Beijing Diaoyu. Tokyo gestisce queste isole rocciose, che protestano regolarmente contro quello che descrive come l’invasione delle navi cinesi nel suo territorio.

L’ultima denuncia arriva tra le crescenti tensioni dopo che la Cina ha approvato una legislazione che consente alla Guardia Costiera di usare la forza contro le navi straniere che Pechino ritiene che entrino nelle sue acque illegalmente.

Il portavoce del governo giapponese Katsunobu Kato ha detto che Tokyo ha protestato per l’ingresso di due navi della Guardia Costiera cinese nelle acque al largo delle isole Senkaku sabato e domenica.

“Abbiamo protestato con forza, attraverso i canali diplomatici, sia a Tokyo che a Pechino, per interrompere immediatamente le loro manovre nel tentativo di avvicinarsi ai pescherecci giapponesi e per lasciare rapidamente le acque territoriali”, ha detto il signor Kato.

Ha aggiunto che le navi della guardia costiera giapponese “hanno ripetutamente chiesto di partire garantendo la sicurezza dei pescherecci”. “Il Giappone non sarà in grado di sopportare” tali mosse, ha aggiunto Kato.

Le navi della Guardia Costiera cinese sono state regolarmente inviate intorno alle isole contese, soprattutto sotto la guida del presidente Xi Jinping che vuole fare della Cina una grande potenza marittima.

Oltre a queste isole contese con il Giappone, Pechino rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, con grande dispiacere di Brunei, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam con rivendicazioni concorrenti.

READ  Joe Biden inizia il suo mandato con una popolarità senza precedenti di Donald Trump

La Cina ha ignorato la sentenza del 2016 della Corte permanente di arbitrato dell’Aia secondo cui le sue affermazioni erano prive di fondamento.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *