Possibile caso di lavoro forzato in Cina | Carta d’identità del prigioniero trovata all’esterno

Possibile caso di lavoro forzato in Cina |  Carta d’identità del prigioniero trovata all’esterno

Il ritrovamento della carta d’identità di un prigioniero cinese nella fodera di un cappotto venduto all’estero solleva interrogativi sulla portata del lavoro forzato nel Paese.


Cosa c’è da sapere

Una donna britannica ha scoperto la carta d’identità di un prigioniero cinese nella manica di un cappotto ordinato online.

In passato, i detenuti cinesi inserirono messaggi sui beni che fabbricavano per dare l’allarme sulla loro situazione.

Negli ultimi anni la questione del lavoro forzato in Cina è stata sollevata soprattutto in relazione al trattamento riservato agli uiguri, una minoranza musulmana perseguitata dal regime comunista.

Una donna britannica ha detto al giornale Guardiano Ha fatto questa sorprendente scoperta dopo aver notato la presenza di un oggetto solido nelle maniche degli indumenti Regatta acquistati online che ne limitava i movimenti.

La carta d’identità in questione conteneva la foto di un uomo che indossava l’uniforme carceraria, il nome del suo centro di detenzione e un riferimento al Ministero della Giustizia cinese.

“Questa situazione mi preoccupa… so che è legale in Cina, e abbiamo standard diversi in Gran Bretagna, ma non ci aspettiamo che i prigionieri facciano vestiti”, ha osservato la donna che ha ordinato il cappotto.

Inizialmente Regatta aveva indicato che la tessera in questione identificava un operaio di una fabbrica cinese che garantiva una parte della sua produzione prima di cambiare idea e spingere ulteriormente le indagini.

In una dichiarazione rilasciata venerdì, la società di abbigliamento sportivo ha affermato che i suoi ulteriori esami hanno concluso che il cappotto proveniva da una struttura che aderisce a un “approccio di tolleranza zero nei confronti del lavoro forzato e carcerario”.

READ  La Camera dei Rappresentanti adotta il disegno di legge di riforma della polizia

La società ha affermato che la carta proveniva in realtà da un ex detenuto che è stato assunto e pagato da marzo a giugno 2023 dalla struttura prima di lasciare la sua posizione poco prima della spedizione del cappotto.

“Stiamo continuando le indagini per determinare come l’oggetto è stato cucito nell’indumento”, ha aggiunto Regatta, che afferma di attribuire grande importanza alla natura etica delle sue pratiche commerciali.

Non il primo

Non è la prima volta che un evento del genere viene riportato dai media.

Nel 2019, una giovane ragazza che viveva a Londra trovò una lettera di prigionieri che chiedevano aiuto con un biglietto di auguri realizzato in Cina.

“Siamo prigionieri stranieri nella prigione di Qingpu, Shanghai, Cina. Siamo costretti a lavorare contro la nostra volontà. Per favore aiutateci avvisando le organizzazioni per i diritti umani.”

In un resoconto pubblicato lo scorso anno, un ex detenuto, Peter Humphrey, ha affermato che i funzionari della struttura hanno orchestrato un piano con i prigionieri cooperativi per negare la storia e sottolineare che lì non veniva praticato il lavoro forzato.

Humphrey ha osservato nello stesso rapporto che questo tipo di “messaggio al mare” viene talvolta utilizzato per chiedere aiuto dall’estero e comporta molti rischi perché le autorità cinesi puniscono severamente qualsiasi iniziativa del genere.

Il lavoro forzato è presente in tutto il sistema carcerario cinese e colpisce tutte le strutture di detenzione, dove sono detenute milioni di persone.

L’ex prigioniero della prigione di Qingpu Peter Humphrey in un resoconto pubblicato lo scorso anno

Persecuzione degli uiguri

La questione del lavoro forzato in Cina è stata ampiamente discussa negli ultimi anni in relazione alla persecuzione degli uiguri da parte delle autorità cinesi.

READ  La Russia chiede la revoca delle sanzioni per evitare la crisi alimentare globale

Secondo molte organizzazioni per i diritti umani, centinaia di migliaia di membri di questa minoranza musulmana nello Xinjiang sono stati rinchiusi in campi di detenzione con il pretesto di sospettati di terrorismo. Molti di loro furono costretti a lavorare in fabbriche che talvolta furono integrate nelle carceri.

Secondo il Dipartimento di Stato americano, il governo cinese ha anche trasferito dallo Xinjiang, con il pretesto della lotta alla povertà, migliaia di detenuti costretti a lavorare nel settore manifatturiero in altre parti del Paese.

Molti paesi occidentali hanno adottato misure volte a impedire l’importazione di qualsiasi prodotto derivante dal lavoro forzato uiguro.

Gli Stati Uniti in particolare hanno deciso di utilizzare un approccio particolarmente energico consentendo ai funzionari doganali di costringere le aziende sospette a dimostrare che i loro prodotti non sono “contaminati”.

L’approccio del Canada

Arie van Assche, esperto di economia cinese dell’HEC Montreal, osserva che il Canada, soprattutto per paura di provocare ritorsioni da parte di Pechino, ha scelto un approccio meno esplicito che si è rivelato più complicato da attuare.

È difficile per le autorità governative dimostrare che i beni siano stati effettivamente fabbricati utilizzando il lavoro forzato nello Xinjiang.

Ari van Assche, esperto di economia cinese dell’HEC Montreal

Ottawa ha recentemente adottato una legge che obbliga i ministeri e le principali società importatrici a spiegare le misure adottate a partire dal 2024 per evitare che si verifichi uno scenario del genere.

Anche l’Ufficio canadese del difensore civico per la responsabilità aziendale si sta occupando del caso e ha annunciato l’apertura di indagini nei confronti di sei società.

La legge sull’attuazione dell’accordo di libero scambio con gli Stati Uniti e il Messico comprende disposizioni che vietano l’importazione di beni realizzati da prigionieri o lavoro forzato, volte anche a ridurre gli abusi.

READ  Il primo ministro Netanyahu afferma che Israele non cerca di governare Gaza

Gohar Elham, della Workers’ Rights Union, sottolinea che la legge che vieta l’importazione di prodotti derivati ​​dal lavoro dei prigionieri esiste da molto tempo in Gran Bretagna, ma ha scarsi effetti.

“Le autorità doganali non hanno mai applicato questo provvedimento in 100 anni e, per quanto ne so, nessuna spedizione è mai stata confiscata”, ha detto venerdì.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *