poesia sulla bruttezza della natura

specificare che il disgusto è complesso; È causato da una combinazione di caratteristiche morfologiche e cromatiche che non sono percepite allo stesso modo in tutti i rami della vita. “Un uccello brutto o odioso non avrà necessariamente le stesse qualità di qualsiasi mammifero giudicato tale”, aggiunge. Tuttavia, gli insetti rosa o grigi, con occhi e teste piccoli rispetto al resto del corpo e pieni di verruche o altre imperfezioni della pelle, hanno poche possibilità di vincere i concorsi di bellezza.

Il mondo vegetale non sfugge al duro giudizio degli umani. Lo dimostrano i commenti dei ricercatori dei Royal Botanic Gardens di Kew, un’organizzazione britannica che compila annualmente un inventario delle nuove specie vegetali scoperte sul pianeta. Il classico del 2020 presentava 156 piante e funghi, tra cui una bellissima bromelia dal Brasile con petali d’arancio. ma questo Gastrodia agnicellus che ha ricevuto la maggior attenzione mediatica. A questa piccola pianta, il cui fiore marrone ricorda un buco sospetto, è stato dato il soprannome “La lucertola più brutta del mondodalla squadra.

bruttezza gratis? Non così in fretta. Esponendo il brutto anatroccolo, i botanici hanno fatto luce sulla nobile causa della conservazione della biodiversità. “Dal momento che due piante su cinque sono in pericolo, è una corsa contro il tempo trovare, identificare, nominare e conservare le piante prima che scompaiano”, afferma la dichiarazione su una nota più seria. Gastrodia agnicellus Non fa eccezione alla regola: occupa un piccolo habitat in Madagascar, il paese che soffre di una delle più grandi deforestazioni della Terra.

“E’ vero che è più facile proteggere specie carismatiche, come l’orso polare o il panda. Le piante sono spesso anche vittime di un mancato riconoscimento rispetto agli animali, e alcuni sono addirittura arrivati ​​a parlare di un bias cognitivo chiamato “pianta cecità”. In questo senso, l’iniziativa Kew Gardens Interessante attirare l’attenzione su questa pianta, ma anche su molte delle altre specie citate nell’inventario, commenta Simon Jolly, ricercatore presso il Giardino Botanico di Montreal. Per parafrasare ciò che l’ingegnere forestale senegalese Baba Daume ha detto, manteniamo ciò che ci piace e ci piace ciò che sappiamo”.

READ  La sociologia elettorale è una scienza necessaria per molti

Allora perché non seguire le orme dei botanici di Kew e portare la bruttezza alla ribalta? Questo è quello che è stato proposto nel 2017 Ricercatori della Johns Hopkins University. Secondo il loro studio, con alcuni sforzi di marketing, come la pubblicazione di foto e dettagli sullo stato di conservazione di una specie, le società di conservazione possono aumentare di dieci volte la raccolta fondi per gli animali con una forma fisica stagnante. E persino creare nuovi amuleti per loro. Non dovremmo dire che la bellezza è negli occhi di chi guarda?

>>> Leggi anche: Quando l’evoluzione preferisce la stupidità, la bruttezza e l’insignificanza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *