Olimpiadi di Pechino | Dopo gli Stati Uniti, l’Australia ha annunciato il suo boicottaggio diplomatico

(Sydney) Il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato mercoledì che l’Australia non invierà alcun rappresentante diplomatico alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022, unendosi al boicottaggio diplomatico annunciato lunedì dagli Stati Uniti.




“L’Australia non si ritirerà dalla posizione forte che ha assunto per difendere i propri interessi, e chiaramente non sorprende che non mandiamo funzionari australiani a questi giochi”, ha detto.

La mossa di Canberra arriva nel mezzo di una “differenza” con la Cina su una serie di questioni, tra cui le leggi australiane sull’interferenza straniera e la recente decisione di acquisire sottomarini a propulsione nucleare, signor Morrison.

Questa decisione, che non impedisce agli atleti di partecipare ai Giochi, arriva il giorno dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato il boicottaggio diplomatico, in nome della difesa dei diritti umani.

Morrison ha anche affermato che le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e la riluttanza di Pechino a incontrare i funzionari australiani per discussioni sono state la motivazione alla base della decisione australiana.

“Il governo cinese non ha mai accettato che ci incontrassimo per discutere di questi problemi”, ha detto.

Il Comitato olimpico australiano (Aoc) ha dichiarato di rispettare la decisione del governo, aggiungendo che non influenzerà i preparativi della squadra australiana.

“Il Comitato Olimpico è molto desideroso di garantire che i membri della squadra possano viaggiare in Cina in sicurezza, dato il complesso ambiente associato al coronavirus, mentre gli atleti lasciano i siti all’estero”, ha affermato il direttore generale Matt Carroll.

“Portare gli atleti a Pechino in sicurezza, farli gareggiare in sicurezza e riportarli a casa sani e salvi rimane la sfida più grande per noi”, ha aggiunto.

READ  L'esercito russo dice che sta monitorando una fregata francese nel Mar Nero

Si prevede che circa 40 atleti australiani gareggeranno ai Giochi di Pechino, che si apriranno il 4 febbraio.

Le tensioni, in particolare commerciali, tra Australia e Cina non hanno smesso di crescere dal 2018 e sono state particolarmente contrassegnate da un congelamento di due anni delle relazioni diplomatiche ai massimi livelli.

La Cina è stata particolarmente allarmata dalle decisioni australiane in merito alle interferenze straniere, al divieto dei contratti 5G con Huawei e alla richiesta di un’indagine indipendente sulle origini della pandemia di coronavirus.

Un gran numero di prodotti australiani, tra cui orzo, carbone di legna, cotone, aragoste, zucchero, vino, manzo, agrumi, cereali e latticini, sono stati tutti soggetti a sanzioni da parte del suo principale partner commerciale.

La decisione dell’Australia di dotare la sua flotta navale di sottomarini a propulsione nucleare come parte di un nuovo patto di difesa con Gran Bretagna e Stati Uniti, ampiamente vista come un tentativo di contrastare l’influenza cinese nella regione del Pacifico, ha fatto arrabbiare Pechino.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *