nucleare iraniano | Teheran chiede a Washington 10 miliardi prima dei negoziati

(Teheran) Soffocato dalle sanzioni economiche, l’Iran chiede 10 miliardi di dollari di beni congelati dagli Stati Uniti per valutare le “vere intenzioni” dell’America nei negoziati sul nucleare iraniano in stallo da giugno.


Se gli americani “hanno intenzioni reali” [de sauver l’accord]Sabato sera, in un’intervista alla televisione di stato, il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amir Abdollahian, ha dichiarato: “Rilasciano parte dei nostri beni, ad esempio 10 miliardi di dollari congelati in banche straniere, e li restituiscono all’Iran”.

Gli Stati Uniti hanno ripristinato le sanzioni economiche contro l’Iran dopo essersi ritirati unilateralmente dall’accordo internazionale sul nucleare iraniano nel 2018.

Quell’accordo, concluso a Vienna nel 2015, ha offerto a Teheran un sollievo dalle sanzioni occidentali e delle Nazioni Unite in cambio dell’impegno a non acquisire armi atomiche e una significativa riduzione del suo programma nucleare, ponendolo sotto stretto controllo delle Nazioni Unite.

L’Iran, che ha gradualmente abbandonato i suoi impegni dopo il ritiro degli Stati Uniti, intende citare in giudizio la Corea del Sud, irritata dal rifiuto di Seoul di far fronte a un debito di circa otto miliardi di dollari per l’acquisto di petrolio.

pressione americana [sur la Corée du Sud] È vero, ma non possiamo continuare a guardare bene e chiudere un occhio su questo problema”, ha insistito il signor Amir Abdollahian.

I fondi iraniani depositati in due banche coreane sono stati bloccati nonostante le ripetute richieste di Teheran per il loro rilascio. Il deputato iraniano Alireza Salimi ha dichiarato domenica all’AFP che questi fondi congelati per tre anni ammontano a 7,8 miliardi di dollari e provengono dalle esportazioni di petrolio iraniano.

READ  Malaysia | Almeno 200 feriti in un incidente della metropolitana a Kuala Lumpur

Se Seoul non agirà rapidamente, il ministro degli Esteri ha affermato che Teheran non impedirà alla Banca centrale iraniana di citare in giudizio la Corea del Sud per la controversia, aggiungendo di aver sollevato la questione giovedì con la sua controparte coreana.

“La parte coreana è preoccupata per la nostra intenzione di sporgere denuncia. Gli ho detto che è inaccettabile che il nostro popolo aspetti tre anni e che le parole vuote non risolveranno il problema. L’Iran dovrebbe avere un rapido accesso ai suoi soldi”, l’iraniano ha detto il ministro.

I colloqui tra Teheran e le maggiori potenze ancora aderenti all’accordo sono in stallo da giugno.

Giovedì, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che il suo Paese è “in buona fede da diversi mesi” nei colloqui, in cui gli Stati Uniti sono indirettamente coinvolti, attribuendo agli iraniani la responsabilità di agire.

“Ma gli americani non sono pronti ad aprire [les avoirs gelés] Quindi possiamo assicurarci che tengano conto degli interessi del popolo iraniano”, ha risposto il ministro degli Esteri iraniano.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *