Notre Dame de Paris vuole aggiornarsi

(Parigi) Arte contemporanea, luce fioca…: Notre Dame de Paris, parzialmente distrutta da un incendio nel 2019, sarà riqualificata per “accogliere meglio” il pubblico nel “rispetto del culto”, secondo la diocesi che ha qualche. Carica, ma il progetto attira le critiche.


Sandra Pivot Lact
Agenzia di media Francia

Nel programma di questo “aggiornamento”: luce all’altezza del viso, panche su ruote con candele per sostituire le vecchie sedie che scenderanno nel seminterrato, arte contemporanea e frasi bibliche esposte in più lingue alle pareti, spiega padre Gilles Darwin all’AFP.

Il progetto, maturato “per due anni e mezzo”, è stato affidato all’arcivescovo di Parigi, monsignor Michel Aupetit. Sarà presentato il 9 dicembre alla Commissione Nazionale per il Patrimonio e l’Architettura (CNPA), che ha il compito di esprimere un parere.

abbastanza per allarmare i difensori della storia e del patrimonio francese e per ridicolizzare la stampa straniera, che l’ha descritta come la “Disneyland” politicamente nuova (telegrafo).

“La chiesa può essere moderna portando più luce spirituale invece di luce sui volti”, ha detto all’AFP il conduttore dell’AFP Stephane Berne, incaricato dal presidente francese Emmanuel Macron del compito di preservare il patrimonio.

Per lui, la “vera posta in gioco” è la “periferia di Notre Dame”. “Dobbiamo, ha detto, creare un museo della storia della Francia per il mondo intero con i tesori di Notre Dame”, denunciando il destino dell’Hôtel-Dieu, il più antico ospedale di Parigi proprio accanto alla cattedrale. Secondo lui, avrebbe potuto proteggere questo museo, ma ha dovuto cedere un terzo del suo spazio a un promotore immobiliare.

READ  L'arrivo dei talebani | Malala Yousafzai: teme per le sue "sorelle afgane"

Padre Darwin, direttore dell’Istituto superiore di liturgia, difende il suo progetto. Nega ogni tentativo di cambiamento radicale: l’obiettivo, dice, è mantenere Notre Dame “come luogo di culto” e “più accolto” e informare un pubblico che “non sempre ha una cultura cristiana”.

Al loro ritorno a Notre Dame nel 2024, secondo il programma dei lavori fin qui programmato, credenti e visitatori da tutto il mondo dovrebbero entrare dalla grande porta centrale e non dalle porte laterali, e usufruire di un percorso ben ventilato intorno esso. Dall’asse centrale della navata al coro.

L’altare rimarrà nello stesso luogo. Al termine del coro e di un nuovo battistero (piccolo edificio tradizionalmente utilizzato per i battesimi), all’ingresso della navata sarà installata una tenda (mobile comprendente ostie e ciborio). Solo le “Quattro Sette Confessionali” sarebbero state preservate. “Gli altri sei o sette verranno spostati al primo piano della cattedrale”, spiega.

Una spiegazione della nascita per i cinesi

Per facilitare ulteriormente la circolazione in caso di affollamento, le secolari sedie di paglia scenderanno nella volta del Souffle o cripta situata al di sotto della cattedrale che sarà utilizzata come ‘magazzino’ facilmente accessibile grazie al ‘montacarichi’.

Quanto alle cappelle laterali dell’edificio, prima dell’incendio erano “in pessime condizioni” e saranno completamente rinnovate a favore dello sviluppo delle opere d’arte: “Dipinti antichi del XVI sec.NS e diciottoNS Secoli che interagiscono con oggetti d’arte contemporanea”.

Il sacerdote dice in particolare “un ciclo di suppellettili”, senza far filtrare alcun nome. Sottolinea che “la cattedrale è sempre stata aperta all’arte a suo tempo fino alla Grande Croce d’Oro dello scultore Marc Couturier eretta dal cardinale Lustiger nel 1994”.

READ  Johnson alza il velo alla fine della maggior parte delle restrizioni in Inghilterra

Per illuminare il tutto, l’Arcidiocesi desidera una “luce più morbida all’altezza del viso di un uomo” che conferisca un’atmosfera più intima al pubblico di 2.400 e 150 concerti annuali. Questo lavoro è stato affidato a un gruppo di artisti tra cui lo scultore della luce Patrick Remoux.

Infine, per una migliore comprensione della storia del cristianesimo, vorrebbe esporre sulle pareti “frasi della Scrittura o della tradizione spirituale cristiana” in più lingue, la cui scelta non è stata ancora determinata.

“I cinesi, ad esempio, non comprendono necessariamente la Natività della Vergine. Tuttavia, poiché ci sono figure cinesi incise sugli stendardi nella cattedrale di San Paolo Cheng (martire cinese) nella cattedrale, i visitatori del Medio Regno si fermano e accendi le candele”, osserva.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *