Nord Stream: Quarta fuga di notizie, la NATO condanna il sabotaggio “irresponsabile”.

Stoccolma | Una quarta fuga di notizie è stata rivelata giovedì sul gasdotto Nord Stream nel Mar Baltico, che è stato preso di mira dalla Nato con atti di sabotaggio “irresponsabili” Mosca si nasconde dietro la necessità di una “indagine”.

• Leggi anche: Sabotaggio Nord Stream: in ogni dubbio, la Russia si riferisce agli Stati Uniti

• Leggi anche: Nord Stream: varie ipotesi dirompenti

I danni a queste strutture strategiche tra Russia e Germania, sullo sfondo del conflitto in Ucraina e delle tensioni tra Russia e Occidente, dovrebbero essere al centro della riunione di venerdì del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York, di cui la Russia mercoledì ha rivendicato la responsabilità . Quando l’argomento di ogni dubbio.

Senza aspettare, giovedì la Nato ha denunciato il sabotaggio “deliberato e irresponsabile”, rivelando i propri sospetti sottolineando la propria volontà di difendersi da qualsiasi attacco “ibrido” utilizzando la “leva energetica”.

La Russia, che mercoledì ha insistito sull’ostilità degli Stati Uniti nei confronti del Nord Stream, ha provocato un “atto terroristico” presumibilmente “coinvolgimento” di uno Stato straniero e ha sottolineato il suo desiderio di “un’indagine urgente”.

  • Ascolta l’editoriale di Norman Lester su The Richard Martineau Show, trasmesso in diretta tutti i giorni alle 9:48. Attraverso Radio QUB :

La quarta fuga, nella regione svedese, rivelata dalla Guardia costiera svedese, si aggiunge alle tre già note in questa parte del Mar Baltico, due sul versante danese e uno su quello svedese, provocando un grosso bollore in superficie .

Dopo le sospette esplosioni di lunedì, le perdite si sono verificate nelle acque internazionali al largo dell’isola danese di Bornholm ma all’interno delle zone economiche esclusive dei paesi scandinavi.

READ  Furto di criptovaluta | Tre pirati nordcoreani sono stati accusati di aver rubato 1,3 miliardi di dollari

La guardia costiera svedese non ha potuto spiegare immediatamente il motivo per cui la segnalazione di questa nuova fuga di notizie è stata ritardata, ma ha affermato che le due perdite dalla parte svedese erano “in stretta vicinanza” l’una all’altra.

Tuttavia, non sono stati in grado di confermare le notizie dei media svedesi secondo cui questa nuova perdita si trovava sopra il gasdotto Nord Stream 2.

Guerra “ibrida”.

La NATO ha denunciato gli atti di sabotaggio “deliberati, sconsiderati e irresponsabili” e ha affermato che la NATO si sarebbe difesa “contro l’uso di una leva di potere o qualsiasi altra operazione ibrida da parte di attori statali o non statali, per scopi coercitivi”.

Formule che possono essere considerate accuse implicite alla Russia, accusata fin dall’inizio della guerra in Ucraina di voler sfruttare la dipendenza dell’Europa dalle sue forniture di gas.

La Russia, dal canto suo, ha affermato di sospettare il “coinvolgimento” di un Paese straniero, senza farne menzione.

  • Ascolta la trasmissione dell’incontro Foisy – Bureau in diretta tutti i giorni alle 8:05. Attraverso Radio QUB :

“È molto difficile immaginare che un tale atto terroristico possa accadere senza l’intervento dello stato”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, chiedendo ancora una volta “un’indagine urgente”.

Mosca, mercoledì, ha negato le accuse “stupide e assurde” sulla sua possibile responsabilità e ha implicitamente accusato gli Stati Uniti di cercare “risposte” dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden sul coinvolgimento del suo Paese.

La Casa Bianca ha risposto che era “ridicolo” suggerire che gli Stati Uniti avrebbero potuto commettere un tale sabotaggio e ha denunciato la “disinformazione” della Russia.

READ  Il complotto del rapimento del governatore del Michigan: un uomo si dichiara colpevole

Nel prossimo futuro, dopo Germania e Norvegia in particolare, Svezia e Finlandia hanno annunciato giovedì di rafforzare il monitoraggio delle loro strutture strategiche.

maggiore vigilanza

Il ministro delle finanze finlandese Annika Saariko ha affermato che viene prestata particolare attenzione alla rete elettrica finlandese.

In Svezia, le due principali centrali nucleari del Paese, situate a Forsmark (centro-est) e Ringals (sud-ovest), sono entrate nel sistema di “maggiore vigilanza”.

Il ministro degli Esteri svedese Anne Linde ha dichiarato che la riunione del Consiglio di sicurezza, presieduta dalla Francia, si svolgerà venerdì su richiesta della Russia.

Ha aggiunto che la Svezia e la Danimarca avevano il compito di informare i membri del consiglio delle fughe di notizie nelle loro zone economiche esclusive.

Secondo le autorità danesi, più della metà del gas nei due gasdotti è già disperso nell’atmosfera con queste perdite e il resto potrebbe sparire entro domenica.

I due gasdotti, da tempo al centro delle tensioni geopolitiche esacerbate dall’invasione russa dell’Ucraina, sono gestiti da un consorzio che riunisce il gigante russo Gazprom e gruppi occidentali, tra cui la tedesca Wintershall, la francese EON e ENGIE.

Non sono stati operati a causa della guerra in Ucraina, ma entrambi erano pieni di gas.

Le enormi perdite stanno provocando in superficie grandi bolle marine larghe diverse centinaia di metri, rendendo impossibile l’ispezione immediata dei lavori, secondo le autorità.

Il Nord Stream 2, completato nel 2021, doveva originariamente raddoppiare la capacità di importare gas russo in Germania. La sua messa in servizio è stata sospesa in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.