Nelle immagini | Cile: piogge straordinarie fanno fiorire l’arido deserto di Atacama

Nelle immagini |  Cile: piogge straordinarie fanno fiorire l’arido deserto di Atacama

Il deserto cileno di Atacama, il più arido del pianeta, è stato decorato per chilometri con fiori viola e bianchi, grazie alle piogge insolite in questa regione settentrionale del paese.




Agenzia di stampa francese

Questo fenomeno, che non si osservava in questo periodo dell’anno dal 2015, ha stupito turisti e residenti dei comuni limitrofi, che negli ultimi anni si sono abituati ad ammirare questo spettacolo naturale da settembre in poi.



Nelle immagini |  Cile: piogge straordinarie fanno fiorire l'arido deserto di Atacama

Agenzia di stampa francese

Cesar Pizarro, responsabile del progetto, spiega all’Agence France-Presse: “La pioggia che variava tra 11 e 12 mm (che è caduta in aprile), così come le nuvole basse, molto dense nella regione e che bagnare queste superfici ogni notte, ha contribuito alla rivitalizzazione di queste piante.” Conservazione della biodiversità nell’Ufficio nazionale delle foreste del Cile.



Nelle immagini |  Cile: piogge straordinarie fanno fiorire l'arido deserto di Atacama

Agenzia di stampa francese

Ma l’esperto conferma che questo fenomeno non ha nulla a che vedere con il cosiddetto “deserto dei fiori” che si verifica in primavera nell’emisfero settentrionale. Perché questi paesaggi si estendono solitamente su una superficie di circa 15.000 chilometri quadrati. Ma oggi i fiori compaiono su un’area molto più piccola, che va dai 300 ai 400 chilometri quadrati.



Nelle immagini |  Cile: piogge straordinarie fanno fiorire l'arido deserto di Atacama

Agenzia di stampa francese

Quando il “deserto dei fiori” è al suo apice, fioriscono più di 200 specie di piante. Oggi il protagonista principale è l’”artiglio del guanaco”, un fiore viola che praticamente non ha bisogno di acqua e preferisce i luoghi sabbiosi.

Sebbene l’entità di questa “anomalia” nella fioritura iniziale del deserto sia ancora in fase di analisi, gli scienziati non hanno ancora determinato se “ciò che è accaduto durante l’inverno del 2015 e del 2024 è direttamente correlato o meno al cambiamento climatico, o a El Niño o La Fenomeni Niña. Aggiunge il signor Pizarro.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *