Navalny deve essere evacuata all’estero “in grave pericolo”

Quattro esperti di diritti umani autorizzati dalle Nazioni Unite hanno affermato mercoledì che l’avversario russo Alexei Navalny, che è stato imprigionato e in sciopero della fame per tre settimane, è “in grave pericolo” e dovrebbe essere evacuato all’estero.

Leggi anche: Nel suo discorso annuale, Putin mette in guardia l’Occidente

Leggi anche: Washington esorta Mosca a consentire l’accesso medico “indipendente” a Navalny

“Esortiamo le autorità russe a garantire che il signor Navalny abbia accesso ai suoi medici e gli consentano di essere evacuato all’estero per cure mediche urgenti, come hanno fatto nell’agosto 2020. Ribadiamo che il governo russo è responsabile della vita e della salute di Mr. Navalny durante la sua detenzione “, hanno scritto in una dichiarazione.

“Crediamo che la vita del signor Navalny sia in grave pericolo”, hanno detto questi esperti indipendenti, nominati dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ma senza parlare a suo nome.

Secondo i suoi parenti, il signor Navalny, che ha smesso di mangiare il 31 marzo per protestare contro le condizioni della sua detenzione, sta morendo. L’Occidente chiede il suo rilascio e il fatto del suo avvelenamento nell’agosto 2020, a cui parteciperanno i servizi speciali.

I quattro esperti, i Relatori speciali sulla libertà di opinione e di espressione, affermano: “Siamo estremamente preoccupati per il fatto che il signor Navalny rimanga in condizioni che potrebbero equivalere a tortura o trattamento o punizione crudele, inumano o degradante”. Tortura, esecuzioni sommarie o arbitrarie e diritto alla salute fisica e mentale.

“Le apparenti violazioni del divieto di tortura o altri maltrattamenti, il suo diritto a un avvocato, e in particolare il suo diritto a cure mediche tempestive ed efficaci durante la detenzione non fanno che aumentare le nostre preoccupazioni. Dal signor Navalny”, continuano.

READ  La prima visita di Biden al Pentagono, tra le polemiche sull'estremismo militare

Credono che diversi anni fa, il signor Navalny sia stato sottoposto a un “modello deliberato di vendetta” per le sue critiche al governo russo.

Hanno affermato che “come abbiamo già indicato, alla luce delle disposizioni e delle misure provvisorie della Corte europea dei diritti dell’uomo, non esiste una solida base giuridica per l’arresto, il processo e la detenzione del signor Navalny a Pokrov”.

I quattro esperti affermano di aver espresso le loro preoccupazioni al governo russo, anche attraverso due lettere ufficiali inviate ad agosto e dicembre 2020 in cui esprimevano preoccupazione per l’avvelenamento da parte di Novichok di Navalny.

Per vedere | Punti salienti del caso Navalny

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *