Musica razzista Rivista del Quebec

Giornale britannico Il telegrafo Ho ricevuto un rapporto dall’Università di Oxford secondo cui i corsi di musica classica universitari sono estremamente bianchi e coloniali …

Prova a leggere le seguenti frasi senza ridere … e senza soffocare con il tuo caffè.

Troppe note bianche?

La Scuola di Musica dell’Università di Oxford sta studiando la possibilità di rivedere i propri programmi di studio per affrontare la supremazia bianca.

Il personale universitario considera il corso universitario “complice della supremazia bianca” sulla scia del movimento # Black-LivesMatter.

I professori considerano i brani musicali “coloniali” e ritengono che il contenuto delle lezioni debba essere “decolonizzato”.

I professori affermano che il metodo di trascrizione della musica “non si è scrollato di dosso la sua associazione con il suo passato coloniale” e che mantenerlo nel suo stato attuale sarebbe “uno schiaffo in faccia agli studenti di colore”. La scrittura musicale deve essere riformata per diventare più “inclusiva”.

I professori di Oxford dicono che le lezioni si concentrano molto sulla “musica degli uomini bianchi europei dai tempi della schiavitù”, come Beethoven e Mozart.

Alcuni insegnanti hanno anche suggerito di smettere di richiedere la padronanza di alcune tecniche di musica classica, come il pianoforte o suonare, perché queste lezioni si concentrano fortemente sulla “musica bianca europea” e “causano grande angoscia agli studenti di colore”.

I professori chiedono la cancellazione di alcuni corsi di Schubert o Guillaume de Machaut a favore delle lezioni di musica africana o popolare. “

No, queste frasi non provengono da una rivista di fumetti o da un romanzo di fantascienza.

Ti ricordo che l’Università di Oxford è una delle università più prestigiose al mondo.

  • Ascolta la colonna di Sophie Doroucher con Pierre Nantel su QUB Radio:
READ  L'amministrazione Biden dice di voler chiudere la prigione di Guantanamo

L’unica domanda che dobbiamo porci quando parliamo di musica è la questione dell’eccellenza. Questo compositore è simpatico o ordinario, ha portato qualcosa di nuovo nella musica?

Che la sua musica sia stata composta nel mezzo della schiavitù ci dice che dire del talento del compositore?

Ascoltiamo ancora Beethoven, Mozart e Bach perché la loro musica va oltre i secoli!

Mozart è meno geniale perché è bianco? La sua musica è meno bella perché è nato a Salisburgo il 27 gennaio 1756?

Se è nato a Ouagadougou, Burkina Faso, nel 1983, lo è Concerto per pianoforte n. 23 Potrebbe essere stato insegnato a Oxford? Ciò ridurrebbe l ‘”angoscia” degli “studenti di colore”?

La “cultura” si è risvegliata a tutte le forme di cultura. Cartoni animati Looney Tunes Come la musica di Beethoven, Episodi La petite vie Come le commedie di Shakespeare, gli episodi amici O canzoni di Natale.

Finiremo per chiederci se la “cultura” si sia risvegliata come “cultura”.

Disprezzo di sé

Quando ho letto articoli relativi alla musica classica considerata estremamente bianca e coloniale, ho avuto immagini della Rivoluzione Culturale di Mao in Cina.

Nel 1966, Grand Helmsman bandì tutta la musica occidentale sul suolo cinese, fino alla sua morte nel 1976, perché questa musica rappresenta “l’imperialismo e il capitalismo”.

Cosa direbbe Mao per vedere che nel 2021 gli stessi occidentali si stanno segnalando?

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *