Monkeypox: oltre 200 casi confermati nel mondo

Il numero di casi confermati di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo ha raggiunto 219 lunedì al di fuori dei paesi endemici, afferma un rapporto dell’agenzia di controllo delle malattie dell’Unione europea.

• Leggi anche: I membri dell’OMS si sforzano di prepararsi meglio per le future crisi sanitarie

• Leggi anche: Monkeypox: 13 casi confermati a Montreal

Un totale di 19 paesi in cui la malattia è insolita, principalmente in Europa, hanno segnalato almeno un caso confermato, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) in una nota epidemiologica pubblicata lunedì sera.

La maggior parte dei casi sono uomini che si identificano come uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. “Non ci sono stati morti”, ha detto l’agenzia europea con sede a Stoccolma.

Degli 11 paesi africani in cui questa malattia rara è endemica, tre stanno attualmente concentrando i casi più confermati: il Regno Unito, il primo paese in cui sono stati rilevati casi insoliti all’inizio di maggio (71 casi), Spagna (51) e Portogallo (37). , secondo l’ECDC.

L’Europa concentra la maggior parte dei casi con 191 casi, di cui 118 nell’Unione Europea. Canada (15), Stati Uniti (9), Australia (2), Israele (1) ed Emirati Arabi Uniti (1) sono i sei paesi non europei per i quali i casi sono stati considerati confermati.

I casi sospetti non vengono conteggiati nel rapporto.

Il numero totale di casi identificati lunedì dai Centers for Disease Control and Prevention è quasi triplicato dal suo primo conteggio il 20 maggio, quando l’agenzia ha contato 38 casi.

Lunedì, nella sua prima valutazione del rischio, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ritenuto “molto bassa” ma “alta” invece la probabilità di infezione nella popolazione generale nelle persone con molti partner sessuali.

READ  Il consumo di caffè protegge dal rischio di gravi malattie del fegato

Lo stesso giorno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha confermato un caso “atipico” ma ha ritenuto possibile “fermare” la trasmissione della malattia tra gli esseri umani.

La malattia, cugina meno pericolosa del vaiolo, è stata debellata circa quarant’anni fa, endemica in 11 paesi dell’Africa occidentale e dell’Africa centrale.

Inizialmente provoca febbre alta e progredisce rapidamente in un’eruzione cutanea con formazione di squame.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.