“Mi muovevo da un corpo all’altro”: Testimonianza di un sopravvissuto di una famiglia morto nell’attentato di Nizza

Christophe Lyon, l’unico sopravvissuto a una tragedia che ha ucciso sei membri della sua famiglia, ha dato una commovente testimonianza martedì al processo nell’attacco di Nizza del 2016.

• Leggi anche: Bel processo attentati: in discussione le autopsie delle vittime

• Leggi anche: “Il terrore non sono io”, questo è ciò che difende l’imputato

• Leggi anche: Inizia a Parigi il bel processo d’attacco

Il suo fisico pre-rugby non corrisponde alla sua voce rotta dall’emozione. La sera del 14 luglio 2016, Christophe Lyon, 50 anni, ha perso la moglie Veronique, il genero Mikhail, i genitori Germain e Giselle e i genitori Francois e Christian quando il tunisino Mohamed Lahouaiej Bouhlel era tunisino. Si è imbattuto volontariamente tra la folla con un camion di 19 tonnellate, uccidendo 86 persone e ferendone più di 450.

L’ex ufficiale dell’esercito, in polo blu e capelli corti, trasmette in aula le foto dei suoi cari. Dipingi delicatamente una breve immagine di ciascuno di essi.

L’ultima foto li mostra tutti mentre pranzano su un balcone soleggiato poche ore prima della tragedia. Tutti i volti sorridono. “Ci sono spesso conflitti tra famiglie e con noi non era così”, sussurra Christophe.

Dopo un delizioso pranzo, la numerosa famiglia che vive nell’entroterra di Nizza si reca in città per assistere ai fuochi d’artificio.

La sequenza è stata ripetuta decine di volte in tribunale. Un camion in corsa appare dal nulla, prendendo di mira deliberatamente il pubblico.

“Stavamo camminando verso il Mediterranean Palace quando ho sentito un rumore. Mi sono voltato, ho visto il camion e ho avuto solo il tempo di scappare…”, racconta Kristof. Pausa e poi aggiunse a bassa voce: “…e per vederli tutti” mentre veniva sfrecciato dal furgone bianco. Si ferma e piange.

READ  Israele: O'Toole trasferisce l'ambasciata canadese a Gerusalemme

L’ex soldato mette al sicuro i suoi genitori, gli unici che ancora respirano. “Mi stavo spostando da un corpo all’altro. Continuavo a dire che li amavo”.

Un altro silenzio. “Dopo l’orrore dell’atto”, disse con voce secca, “ci siamo resi conto del terrore dell’uomo”. Racconta di spazzini che hanno scattato foto invece di salvare i feriti. E gli “idioti” che rubano vittime. “Ce n’era uno su mia madre… l’orrore dell’umanità.”

La madre di Kristoff è morta prima che arrivassero i soccorsi. Suo padre è “sopraffatto dall’urgenza”. In ospedale, “Ero come uno zombi. Stavo camminando in giro”, ha detto.

Poi siamo dovuti tornare a casa. Dì ai tuoi cari le cattive notizie.

Tre giorni dopo, si ricorda che il cane dei suoceri era rimasto nell’auto parcheggiata nel parcheggio. I finestrini e l’auto sono stati lasciati nel seminterrato. Il cane, che da allora è diventato la “mascotte” di Kristoff, è vivo.

Quello che segue è stupore. ritirarsi dal mondo. Per rimettersi in piedi, ha scelto di mettersi in azione con sconsideratezza. 12 ore al giorno compreso il sabato.

Sta scoprendo la ripresa politica e non ha parole gentili per chi ci prova.

Per questo evoca Christian Estrosi (atteso al pub il 20 ottobre) che «mi corre dietro per presentarmi al presidente Macron e tra due minuti dimentica chi sono», o l’ex presidente Nicolas Sarkozy «che vuole incontrarmi, ma chi annulla l’incontro quando gli dico che non voglio giornalisti””.

Racconta lo shock quando ha ricevuto il rapporto dell’autopsia di suo padre nel novembre 2019. Un nuovo shock quando ha appreso, in un’udienza all’inizio del processo, che gli organi del padre erano stati prelevati.

READ  La Corea del Nord interrompe le relazioni diplomatiche con la Malesia

Pensavamo che tutti i corpi fossero completi. Questo non era il caso. “Siamo caduti di nuovo in preda al terrore”, ha detto.

Il senso di colpa del sopravvissuto lo rode. “Se qualcuno deve andarsene quel giorno, sono sicuramente io, a causa del mio background militare”, vuole convincersi.

Quando tornò al seggio del Partito Civico, sua sorella gemella lo abbracciò. L’immagine dell’ultimo pasto in famiglia scompare sullo schermo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.