Messico: una colonia di leoni marini in rivolta contro l’estinzione

La Paz, Messico | Specie minacciata dal riscaldamento globale, i leoni marini hanno trovato rifugio in una baia del Golfo della California (nord-ovest del Messico), dove la loro popolazione sta aumentando per la gioia dei turisti che si astengono dal disturbarli durante la stagione del mare. Lui la ama.

• Leggi anche – Cina: il cervo miracoloso che nasconde la fauna selvatica in via di estinzione

La popolazione dei leoni marini della California, chiamati anche “leoni marini” (o “lupi di mare” in spagnolo), è passata da 500 a 700 individui in dieci anni nella riserva di acque turchesi di Los Islotes, stima Hiram Rosales Nandoca, ricercatore in Baja. California Sur Independent State University.

“È l’unico insediamento la cui popolazione non solo ha mantenuto la stabilità, ma è anche leggermente aumentata”, ha detto all’AFP.

Altrimenti, la popolazione totale di “Zalophus californianus” (il nome appreso) è diminuita del 65% tra il 1991 e il 2019, da 45.000 a 15.000 individui, secondo il Graduate Center for Scientific Studies and Education di Ensenada (CICESE).

Quali sono i segreti del microclima a Los Islots? Principalmente restrizioni alle attività umane (pesca e turismo).

Rosales Nanduca dice che i leoni marini della California hanno un posto dove riposare e riprodursi qui.

Gli operatori turistici sospendono le loro attività durante la stagione degli amori.

Altrimenti, i visitatori possono apprezzare i leoni marini grigi e ocra, con grandi baffi, che nuotano bene sulla schiena e sullo stomaco.

I tour operator partono dall’isola di Espírito Santo, a est della baia di La Paz, su una barca che corre lungo le montagne rocciose della regione.

“Era un po’ spaventoso, ma io avevo meno paura, ed è stato incredibile”, dice la turista americana Esmeralda Fonseca, che ha condiviso l’esperienza con un gruppo di amici di vent’anni.

READ  L'avversario russo Alexei Navalny è stato portato dalla prigione in un luogo sconosciuto

Quando raggiungono l’età adulta, le foche si tengono a distanza dai visitatori, a differenza di quelle più giovani che si avvicinano ai turisti.

“È interessante, divertente e divertente”, sorride la giovane guida Jacqueline Ojeda.

Con un po’ di fortuna, i turisti possono anche avvistare delfini, orche e balene, a seconda della stagione.

“La popolazione è aumentata. Penso che sia un bene, ma possiamo fare di meglio. Dobbiamo mostrare un po’ più di responsabilità e cura”, aggiunge la giovane guida, Jacqueline.

L’arcipelago fa parte della California Islands Flora and Fauna Conservation Area, patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2005.

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *